Totani su Totem dei Blue Parrot Fishes a cura di Daniele Mosca

L’album “Totani su Totem” dei Blue Parrot Fishes parte con un intro originale e divertente. E sì, l’ho ascoltato fino alla fine. “Il sogno mio più bello” è un brano pop e contemporaneamente molto rock, contaminato da diverse venature. Con un testo sarcastico, ma con attinenti radici nella realtà. “Tra me e me” viaggia su un bel rock, armonioso e ben suonato. “Babylonelya” è una ballata intensa che sembra scritta da un cantastorie, uno stile attraente e che balla tra diverse sonorità a approcci musicali, tutti espressi in grande stile.”Dylanyopolih” è un brano anche in questo caso decisamente rock, miscelato con sonorità differenti, tutte amalgamate come ingredienti di un buon piatto. I testi sono storie particolari e originali, condite da metafore saporite. “Porcelli” è un pezzo dall’impatto importante, avvolgente dal punto di vista musicale. Miscela rock, soul, hip hop in un modo perfetto. Che dire, ottimo brano. “Chill out” è una bella ballata rock elegante e affascinante. “Assurdo” torna sui binari che contraddistinguono l’intero disco: un rock sarcastico e metaforico. “Camminatore dei cieli” continua con lo stile dell’intero album e disegna anche in questo caso traiettorie musicali avvolgenti e intensità di esecuzione di brani originali, anche da un punto di vista di testo e interpretazione in funzione della musicalità, che talvolta ricorda lo Ska moderno, miscelato a un rock con forti radici internazionali. “L’inno alla banana” scherma un testo ironico con uno scudo rock ben suonato e gradevole. “Lo straordinario Dugongo” è ancora sarcasmo e ironia mascherata per far passare messaggi molto più intensi di quello che possono sembrare a un primo ascolto. “Agrodolce” è la ballata che chiude l’album con una finta leggerezza, che cela un grande lavoro di scelta delle parole e delle atmosfere. Un racconto intenso. “Totani su Totem” è un album particolare, musicalmente eccelso, dissacrante, sarcastico e ricco di sfumature musicali e metafore. Un bel lavoro, sicuramente non consigliabile a tutti per la complessità dell’offerta, ma agli amanti della musica decisamente sì. E non è poco.