Holidays in Rome di Animarea – un progetto di Gabriele Toniolo

Un disco fresco, appassionato, musicalmente attraente, con sonorità che attraversano diverse ere musicali, per approdare al presente con un prodotto bello e intenso.  Sin dal primo brano che da il nome all’intero disco “Holiday in Rome” ci si lascia trasportare in un’atmosfera che parte da una musicalità anni quaranta, per approdare a un pop dalle venature jazz. “Love at first sight” è una bellissima ballata, uno swing che non lascia scampo, coinvolgente, nei  suoi passaggi musicali, che lo rendono ballabile e intenso.  “Hunting high e low” parte come un lento di altri tempi, ci si immagina già in un locale fumoso, come in un film, quei locali jazz dove la musica nutriva l’anima. Suoni che riempiono i sogni, musicalità armoniosa e piacevole.  “You Shine on me” è un brano dal ritmo ballabile che richiama le atmosfere degli anni settanta, rivisitati con sonorità attuali, miscelati con altri senza tempo, con un risultato decisamente convincente.  “My heart il Yellow” è una ballata arricchita da un suono di violino che rende le atmosfere ancora più sognanti e internazionali. “I will never tire of fighting for love” si racconta in un jazz con aperture soul e blues ed esplodendo in un pezzo che non ha bisogno di troppe presentazioni per chi ama la musica nella sua interezza. “Smile” ha un ritmo più divertente e leggero, uno swing dinamico e moderno, che non manca di evocare la storia musicale dei musicisti che fanno parte di questo progetto. Un brano molto radiofonico, ballabile ed elegante.  “Les copain d’Abord” sembra un’opera francese, affascinante, passionale, insomma, bella e gradevole. “Far Beyond the stars” è una ballata intensa che esplode in una musicalità evocativa dei brani anni settanta, con contaminazioni talmente ben costruite da non essere nemmeno più definibili, poiché il risultato è una musicalità completa, senza bisogno di etichetta. Quando la musica è bella, non ha bisogno poi di troppe parole.  “I will come” chiude il disco. Ed è proprio con quel velo di malinconia che avvolge, come quando qualcosa di bello sta per finire. Ed è proprio il caso di dirlo per questo disco. Un lento, leggero e travolgente, come solo un brano come questo può fare. Sound internazionale, ma che richiama una musicalità anni cinquanta, ma solo per poter raccontare cosa ci si può aspettare da questo disco. Originale, evocativo, musicalmente splendido, cantato in modo divino, suonato in modo incantevole. Che questo disco mi sia piaciuto, non sembra un mistero. Lo consiglierei a un pubblico che ama la musica vera, quella senza tempo. E che resta ben oltre il tempo e le stagioni. Un bel disco.