Continua il Torneo di Natale: burraco e salto ad ostacoli al Centro Ippico Montenuovo

salto ostacoliAncora una nuova iniziativa sportiva promossa dall’Associazione Regionale Culturale “Angelo Tramontano” in stretta collaborazione con il noto Centro Ippico Montenuovo (IV traversa Licola Patria Montenuovo 9/a, Arco Felice, Pozzuoli –NA), struttura che da anni svolge l’importante ruolo di avvicinare i ragazzi agli sport equestri accompagnandoli lungo l’intero percorso di formazione sportiva.

Al Centro Ippico Montenuovo si terrà infatti nei giorni 2 e 4 dicembre 2011, una nuova combinata burraco/salto ostacoli, rispettivamente il 2 dicembre (alle ore 19:00) e il 4 dicembre (alle ore 9:00): una scelta accurata per offrire eventi davvero a 360 gradi. La finale con la relativa premiazione avverrà invece il 6 dicembre alle ore 18:00. La classifica stilata prevederà l’accorpamento dei punteggi del burrachista e del cavaliere, prima in maniera individuale e poi in coppia. Per i primi tre classificati, i premi saranno forniti dalle Profumerie N. Ostuni.


Alla serata di premiazione parteciperanno musicisti ed attori tra cui il celebre
Pasquale della Monaco. Nato a Napoli nell’ottobre del 1947, ha dimostrato più volte di essere un vero artista a tuttotondo: prima pittore, poi attore, una vita in nome dell’arte in tutte le sue sfaccettature. “La recitazione è l’estrinsecazione del se, forse l’unica maschera che ci permette di rivelare chi siamo, o all’occorenza nasconderci”, una citazione che riesce a condensare il messaggio di fondo del maestro Della Monaco, portavoce inoltre del concetto del teatro in strada, un palcoscenico sul quale gli attori possano recitare e non “animare la folla”. Dopo aver lavorato con grandi maestri del teatro (da Pupella Maggio a Peppe Barra) nel 1989 Della Monaco entra nel mondo del cinema, in spettacoli dove a fare da palcoscenico è la stessa città ed il pubblico diventa fruitore attivo, e non solo passivo, dell’essenza stessa della recitazione.

Al via la 3a edizione del Premio “Angelo Tramontano”

Due giorni di full immersion culturale e sportiva in programma, il 17 e 18 giugno 2011, con inizio alle ore 20:30, presso il Centro Ippico Montenuovo, situato nell’omonima oasi naturistica di Pozzuoli (Napoli), alla 4a traversa Licola Patria Montenuovo 9/a, località Arco Felice.

Giunto alla 3a edizione, il Premio “Angelo Tramontano” è promosso dall’Associazione Regionale Culturale “Angelo Tramontano”. Il riconoscimento è stato istituito nel 2009 per ricordare la figura di Angelo Tramontano, dottore in giurisprudenza e fondatore dell’Istituto Paritario “NOBEL” di Napoli.

 

 

Il Concorso si propone di premiare, nel corso di una apposita cerimonia, da parte di un comitato d’Onore, gli atleti – studenti delle scuole Campane, che sono riusciti a coordinare gli impegni sportivi con quelli scolastici raggiungendo, nello sport, risultati di rilievo.

Oltre alle esibizioni sportive di Horse Ball, Salto ad Ostacoli e Tiro con l’Arco, quest’anno, nelle due serate, si potrà assistere alla rappresentazione teatrale degli studenti che hanno aderito al progetto “Il teatro nella scuola”, coordinato dal regista Fabrizio Grassi, nonchè alla mostra fotografica di Maria Grazia Piro e alla personale di pittura dell’artista Alessandro Giammattei.

 

 

Presenterà l’evento la dott.ssa Magda Tramontano, presidente dell’Associazione Regionale Culturale “Angelo Tramontano”, coadiuvata dalla cantante, presentatrice e showgirl, Romina Parisi, quest’ultima testimonial d’eccezione della manifestazione. Al termine delle premiazioni si potrà ascoltare dal vivo Sara Nadir e JP Group.
Hanno collaborato a realizzare l’Evento le federazioni Sportive come la FIN- FIT- FIC- FISE, diverse scuola medie e superiori Campane, nonchè le Profumerie N.Ostuni di Napoli e la Bruin Bear che ha realizzato delle particolari penne in occasione dell’ Evento.

Il ritorno di Moggi?

A volte ritornano. E’ proprio vero. Il calcio torna nella bufera con il ritorno di Moggi nelle aule di tribunali e questa volta come accusatore. Le nuove intercettazioni, infatti, descriverebbero il mondo del calcio non come un “sistema Moggi” ma come un circolo di persone che con semplicità parlavano gli uni con gli altri. arbitri con dirigenti e designatori. Per quando sia lecito il beneficio del dubbio, c’è da chiedersi se la veridività di queste affermazioni possa, in qualche modo, migliorare l’immagine carente di uno sport che si è macchiato di tante vergogne, dal calcio truccato, al doping, ai sorteggi combinati, per non parlare dell’immagine poco costruttiva della maggior parte dei calciatori che spesso sono portatori sani di valori discutibili. A pochi mesi dai mondiali eccoci ancora come quattro anni fa, a discutere di una corruzione che corrode prima di tutto i nostri nervi. Forse sono lontani i tempi in cui le scuole calcio delle grandi squadre salvavano i ragazzini dalle strade e scoprivano talenti. Ora tutto si compra, giocatori dall’estero, sogni, speranza. Tutto. De gregori cantava “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore”, ora invece i ragazzini hanno si paura di sbagliarlo, perchè sanno che il loro destino è legato a un attimo. Il calcio è ormai solo una passerella, un business all’ennesima potenza dove la televisione scandisce come e dove il mondo deve andare. E lo capiamo anche quello che sta accadendo, il mondo ha preso una strada sbagliata: giustificarsi del male che lo sta uccidendo.