Recensione “Perdersi – Still Alice” di Lisa Genova

Il romanzo “Perdersi” di Lisa Genova racconta la storia di una donna di cinquant’anni alla quale viene diagnosticato una forma presenile del morbo dell’Alzhaimer. Quella donna si chiama Alice ed è una donna forte e determinata a lottare contro il male. Il libro è commovente ed emozionante, ma allo stesso tempo permette di riflettere e capire un mondo che non conosciamo. Si riesce a riscoprire la vita in un modo del tutto nuovo e soprattutto con una luce diversa. Viene spontaneo farsi una domanda: “Quanti giorni non viviamo davvero?”. Perdersi è un viaggio nella degenerazione di un male e al contempo della scoperta della vita stessa, come se anche nel male fosse il bene a trionfare, un viaggio nei sentimenti più puri, nella memoria che si riscopre mentre sta svanendo a poco a poco. Che spiega l’importanza di vivere ogni momento al massimo. Una storia da leggere assolutamente, tutto d’un fiato, portati per mano dalla scrittrice Lisa Genova che spiega e racconta i retroscena di una malattia spesso ignorata dal punto di vista dei pazienti e rende a questi ultimi la dignità che gli spetta. E’ un libro che riesce a toccare corde profonde e lo fa con una semplicità e un’intensità elevatissime. Bello. Coinvolgente. Profondo. Un’opera nata come romanzo autoprodotto è ora diventata una storia che deve essere letta e capita nella sua più pura essenza. Un successo.

Per informazioni: www.lisagenova.com