Tornano i Pap’n Skar con il tormentone “Spazio fratto tempo”

Estate 2010: tornano i Paps’n’Skar con il tormentone “Spazio fratto tempo”!

 

Per l’estate 2010 i Paps’n’Skar escono con il loro nuovo singolo: “Spazio fratto tempo” che contiene gli ingredienti storici del gruppo (ritornello che rimane subito in testa, melodia piacevole e testo diretto al cuore di chi lo ascolta) ma con nuove sonorità pop, che quest’anno vedono la produzione e gli arrangiamenti curati da Danilo Amerio. Seguirà la pubblicazione anche di una versione, che conterra’ vari remix dance dei migliori dj-produttori in circolazione!

 

“Ci sono occasioni in cui si regalano fiori, cioccolatini o canzoni. Si canzoni! Perché parlano di noi, anche se sembra che quello che dicono, come in un mosaico, componga un puzzle di attimi vissuti, una esperienza collettiva, che ci appartiene, come a dire che siamo così uguali e così diversi, ed in ciò una sola componente domina su tutto: il tempo!

Il tempo che si spreca, che passa mentre inutilmente ci facciamo scivolare la vita di dosso, lei con tutte le gioie e le sofferenze, lei che ci spinge e ci trascina anche se a volte non vorremmo darle retta; corriamo, sgomitiamo, ma è tutta questione di spazio, lo spazio che ci manca perché: al mondo c’è spazio per tutti, ma lo spazio che divide due persone che si amano sembra incolmabile a volte. Perché succede che arriva qualcuno che cancella, azzera, fa tabula rasa delle tue fatiche, dissolve qualsiasi schema matematico e fisico, e ti fa volare; il tempo accelera, accelera e non ne hai mai abbastanza, il tempo non basta mai, e tutto succede così velocemente.

 

Paps’n’Skar ovvero Emanuele “Paps” Cozzi e Davide “Skar” Scarpulla.

Dal 1992 tecnici su radio 105 e Radio Montecarlo. Nel 1999 partecipano con il brano “You want my love” al World Dance Music Festival di Tenerife l’8/9/10 ottobre davanti ad un pubblico di 150.000 persone. Nel 2000 esce “Turn Around”, entrando direttamente al numero 9 dei brani più trasmessi. Scala le classifiche “dance” fino a raggiungere le primissime posizioni diventando uno dei tormentoni dell’estate 2000.

Nel frattempo la Spagna li incorona “gruppo dance” più trasmesso. Ancora una volta ospiti del World Dance Festival.

Nel 2001 “Get it on” rimane per 20 settimane il disco “pop dance” piu’ programmato dalle radio in Italia,”riempipista” dell ‘estate 2001, Top 20 nelle vendite e trascina i PAPS’N’SKAR direttamente sul palco del FESTIVALBAR (Italia 1)! Nello stesso anno partecipano al GIROFESTIVAL (Rai3), a CONTROVENTO (Italia 1) e ancora DEEJAY TIME SOCIALCLUB (Deejay tv), CLUB ROTATION (viva tv) e DISNEY CHANNEL.

Dalla Francia la notizia che GET IT ON arriva al NUMERO 1 della “CLUB CHART” per poi diventare un tormentone “dell’etè” anche in “Francia” e conquistare le classifiche di vendita.

Nel 2002 “Loving You” è numero 31 nel music control (classifica ufficiale dei dischi piu’ trasmessi dalle radio), la canzone si fa largo anche fuori dai nostri confini, conquistando dapprima Sud America, Spagna e i paesi dell’Est, per poi diventare il tormentone dell’estate in Asia!!!!!Estate 2003 settimo appuntamento con i Paps’n’Skar si chiama “Che vuoto che c’e'”, nella quale Raf canta il ritornello del suo successo “Siamo soli nell’immenso vuoto che c’e”.

Nel 2004 Mirage, meglio ribattezzata come “stasera la luna ci portera’ fortuna” diventa la colonna sonora dello spot Tim diventando ancora una volta il tormentone dell’anno.

Svariate le apparizioni tv dal Girofestival (rai 3) a Top of the pops (italia 1) passando per Blob (rai 3) e naturalmente le Veline (canale 5) ,servizi da parte dei tg come “disco dell’estate” tg1, tg2, studio aperto, il tg4 articoli stampa da “Leggo” a Vanity Affair, Cioe’, Top girl, Tribe, La repubblica…Il video “disegnato” da Grido dei Gemelli Diversi conquista “l’alta rotazione” delle tv musicali. Molte le apparizioni dal vivo nelle piazze in Italia. In autunno “La luna” uscira’ praticamente in tutta Europa.m Estate 2005 ennesimo tormentone dell’estate per i Paps’n’Skar,per la seconda volta vengono scelti come colonna sonora della campagna estiva di Tim, dopo Mirage (stasera la luna) estate 2004, “Vieni con me” accompagna i nuovi spot , con un testimonial d’eccezione, il grande Cristian De Sica, senza naturalmente dimenticare la splendida Adriana Lima. Il brano diventa anche colonna sonora del campionato di calcio di Seria A, in classifica di vendita entrando direttamente al n° 2 delle vendite in Italia e stazionando per piu’ di quattro mesi nella top ten. Negli anni successivi escono ancora altri brani tutti diventati tormentoni estivi (Balla, Ti ricordi quella volta, Bambina insieme a Gabry Ponte), dal 2009 i Paps’n’Skar entrano a far parte della BIT Records, escono con il singolo la Dance (in classifica per 21 settimane dei singoli piu’ venduti, fonte Musica e Dischi) entrato ad agosto al numero 16# della classifica ufficiale italiana di MTV.

 

 

bitrecords – www.bitrecords.itinfo@bitrecords.it

Paps’n’Skar – www.papsnskar.cominfo@papsnskar.com

_____________________________

ufficio stampa

L’ALTOPARLANTE

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

 

PROTOSOUND POLYPROJECT s.n.c.

www.myspace.com/protosoundmusic

info@protosound.it

In radio il singolo del cantautore Carmine Torchia

In radio il singolo del cantautore Carmine Torchia

 

Ottimi i riscontri ottenuti dai due brani presentati dal cantautore Carmine Torchia a “Sanremo Nuova Generazione” e a “Musicultura”

“Tende di Seta” è il brano inserito nella compilation  “Nuova generazione sei Tu” con 22 artisti, di etichette associate AFI, con i migliori brani proposti per Sanremo 60^, ed è in vendita su i.Tunes e nelle edicole (allegato del periodico Cioè)

 

“Quest’Amore” è il brano guida dell’album “ Mi pagano per guardare il cielo” del cantautore calabrese, col quale ha partecipato alla XX edizione di “Musicultura”, conquistando il Premio SIAE alla migliore musica e il Premio AFI per il miglior progetto discografico e migliore interpretazione

 

_____________________________

 

Carmine Torchia, cantautore, nasce a Sersale (CZ) nel 1977, attualmente vive a Roma.  E’ laureato in Architettura, nei ritagli di tempo si dedica alla pittura.

“L’odore dei mandarini”, primo brano scritto, risulta come una presa di coscienza, un indirizzo definitivo verso la musica d’autore che si sposa bene con l’amore per la poesia.

Ha aperto concerti di Stefano Rosso, Peppe Voltarelli, Niccolò Fabi, Eugenio Bennato, Moltheni, Tonino Carotone.

Nel settembre del 2005 partecipa a “Musica Controcorrente”, aggiudicandosi il Primo Premio, il Premio alla personalità artistica ed il Premio “Città di Poggio Bustone”.

Nel 2008 si aggiudica il Premio della Critica al “Cantautori Bitonto Suite”; il Primo Premio e il Premio per il miglior testo al concorso “Dietro la nuca della città”.

Nel 2009  esce il primo lavoro discografico per Castorone Edizioni Musicali, Mi pagano per guardare il cielo, presentato alla Fiera del Libro di Torino; è affiancato nella produzione artistica da Francesco Valente.

L’album sarà, poi, presentato in un viaggio-tournèe di quattro mesi, Piazze d’Italia (sulle tracce di de Chirico).  L’artista si è esibito in versione acustica, voce e chitarra, in più di trenta date, toccando le maggiori città italiane con piccole incursioni anche in Francia e Svizzera, sperimentando un modo alternativo di promozione: nelle piazze durante il giorno, alla sera nei locali.

Il 26 luglio del 2009 viene pubblicato Piazze d’Italia (sulle tracce di de Chirico), Prospettiva Editrice, taccuino di viaggio che racconta l’omonima tournèe.

Nel 2009 con il brano Quest’Amore” prodotto da Castorone Edizioni Musicali, partecipa alla XX edizione di “Musicultura”, conquistando il Premio SIAE alla migliore musica e il Premio AFI per il miglior progetto discografico e migliore interpretazione.

Attualmente è in tour con lo spettacolo Piazze d’Italia e con i suoi concerti; è in lavorazione il secondo album.

 

CARMINE TORCHIA

www.myspace.com/carminetorchia

www.carminetorchia.it

“La carezza del papà”, Nuovo video per i Virginiana Miller

I Virginiana Miller presentano “La Carezza del Papa”, nuovo video tratto dall’album “Il Primo Lunedì del Mondo” uscito il 9 Marzo 2010  per ZAHRecords/Edel: un disco limpido, nei suoni, nelle parole e nell’intento di accontentare se stessi per primi.
Il video “La Carezza del Papa” è stato girato da Marco e Paolo Bruciati partendo un’idea di Simone Lenzi.

Il brano è un dialogo di momenti vissuti che intrecciano sconfitte, illusioni, delusioni, paurerimpianti, promesse mancate, fallimenti.
Il titolo e il testo della canzone riprendono il celeberrimo “Discorso della Luna” di Papa Giovanni XXIII che recita:
« Tornando a casa, troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa è la carezza del Papa. Troverete qualche lacrima da asciugare, dite una parola buona: il Papa è con noi, specialmente nelle ore della tristezza e dell’amarezza. ».
Provocatoriamente i Virginiana Miller aggiugono “ma anche un calcio nel culo va bene, anche
quello ogni tanto fa bene, come segno di amore sicuro, di contatto e calore animale senza tante parole”.

Il racconto di questo video inizia nella solitudine di un palcoscenico, sotto una luce accecante: un alto prelato canta quella che può essere definita una canzone a metà fra la preghiera e la protesta.

Se è difficile e forse inutile voler trarre una morale da questo racconto di parole e immagini, non è sbagliato supporre che l’ironia dei Virginiana sia rivolta verso ogni Autorità terrena che, in forza del potere, smarrisca quel senso di limitatezza da cui dovrebbero necessariamente derivare compassione e umiltà.
Se è vero che con questo disco i Virginiana Miller hanno abbandonato le tematiche adolescenziali per ritrovarsi “dalla parte del Padre”, il Padre che viene chiamato in causa ne “La Carezza del Papa” è qualcuno cui si rimprovera una sostanziale lontananza.

Ad uso esclusivo di questo padre lontano, sono da intendersi anche i sottotitoli in latino, presenti per l’intera durata del video.

Caserta Rock Fest 2010

A settembre torna a Caserta uno dei più attesi eventi del sud-Italia e gli unici destinatari siete voi!

 

Per il quarto anno torna il Caserta Rock Fest, kermesse musicale che ha visto in passato alcuni tra i più importanti esponenti della musica italiana indipendente e non solo. Ancora incerta la location, mentre è ufficiale la notizia che quest’anno il festival durerà due, intensi, giorni. Tra i possibili candidati a calcare il palco casertano nel prossimo settembre, spiccano nomi importanti del calibro di Massive Attack, Verdena, Baustelle, Il Teatro degli Orrori e Subsonica.

 

Tre edizioni, tre successi di pubblico, tre spunti di cambiamento per la città campana. Ciò che è rimasto per fortuna immutato, invece, è l’animo fuori dal comune del festival, molto diverso da quasi tutti gli altri: si legge chiaramente nei volti degli addetti ai lavori la passione e la voglia di riuscire a costruire qualcosa di bello, al di fuori dei puri meccanismi economici e delle logiche di mercato. Un festival che piace al pubblico almeno quanto all’organizzatore: “Il Caserta Rock Fest è diventato quasi un vizio” dichiara Maurizio Affuso, frontman della nota band Ska-core RFC nonché direttore artistico del festival, “so che una volta all’anno, qualsiasi cosa succeda, io sarò impegnato in questo progetto”. Ed è un vizio anche per chi, almeno una volta, ha partecipato da pubblico all’evento.

 

Il Caserta Rock Fest 2010, segna anche il momento finale di un’altra interessante iniziativa: il Caserta Rock City. Anch’esso organizzato da Affuso, il CRC è un contest musicale per band emergenti che porterà il vincitore a suonare sullo stesso palco degli headliner. Un modo originale e vero per promuovere la musica partendo dal basso.

 

Per informazioni:

Direttore artistico/organizzatore: Maurizio Affuso

casertarockfest@libero.it

 

Ufficio stampa:

New Media Press

newmediaufficiostampa@gmail.com

Zibba e Almalibre: arriva “Una cura per il freddo”

Zibba e Almalibre: arriva “UNA CURA PER IL FREDDO”, il terzo capitolo del cantautore ligure firmato dalla neonata Volume! Records

 

Dopo il successo di “Senza smettere di far rumore” il cantautore ligure Zibba sforna questo nuovo disco con la neonata label VOLUME! Records ed edito da Universal e Cramps

Già considerato un vero e proprio gioiello da pubblico e critica. Una prova di stile e poesia, questo disco, da cui è estratto il primo singolo “aMMami”

 

Un cappello, un bicchiere di vino, una donna sotto le coperte, l’abbraccio di un amico. Tutte cure per il freddo, che sia quello dell’anima o il freddo vero portato dal vento. Nonchè il complimento più frequente che i fan scrivono alla band: “la vostra musica scalda il cuore”. Questo si cela nel titolo del nuovo disco di Zibba e Almalibre. Il nuovo disco, che segue il successo di “Senza smettere di far rumore”, si affaccia al mondo musicale con un nuovo spirito che vuole racchiudere in sè quelli che per il cantautore sono i due aspetti più importanti della musica: la capacità di emozionare e quella di far sorridere. Quindici canzoni, scritte on the road, ospiti grandiosi ed atmosfere cangianti che possono portare la fantasia a volare tra i ghetti del Mississippi fino al quartiere di San Lorenzo a Roma, passando per le strade bagnate di Dublino e le terrazze in riva al mare della Liguria.

Il disco è stato registrato in modo itinerante, in teatro, in una villa in Toscana, a Parigi e Dublino e in altre varie locations, mixato all’ XLand Studio da Sandro Franchin (Simply Red, Miriam Makeba, Sade, Zucchero, Celentano, Giorgio Gaber, Renato Zero, De Gregori, Tiziano Ferro, Vasco Rossi), e masterizzato negli studi Nautilus di Milano.

“aMMami” – il primo singolo estratto dal disco, odore di festa paesana, di finestre aperte su una pista da ballo e di giovani donne affacciate in cerca di un futuro marito. Ma non è tutto: un uomo chiede alla sua compagna di non distrarsi nel cercare una luna non ancora spuntata. La speranza di un amore, di una nottata di sesso con un bicchiere di fresco karkadè ed una sigaretta. Una ballata in levare, ricca di metafore e ricercate similitudini. Ammami! E morirò per te! E perchè due “eMMe”? Perchè l’amore si sa, è l’amore. Ma l’aMMore… è tutta ‘n’altra cosa!

 

Appuntamento a Sabato 17 Aprile per la presentazione ufficiale con live al Teatro Chiabrera di Savona.

Da qui subito un tour con oltre 70 date in tutta Italia.