​ANIME SCALZE  di  FABIO GEDA a cura di Anna Serra

Fabio Geda, scrittore torinese che riscuote molto successo soprattutto fra lettori adolescenti e giovani, torna a parlarci di una storia di ragazzi, con uno stile schietto, colloquiale. Un linguaggio fresco e giovanile, che esce dalla bocca di Ercole, protagonista e narratore, un quindicenne con cui la vita non è stata per niente tenera. Ha dovuto crescere in fretta e uscire dal mondo dei balocchi perché la sua famiglia è sgangherata e la sua esistenza appare “polverosa e irregolare”. Vive in un quartiere popolare di Torino e abita in un minuscolo appartamento dalle pareti cosparse di crepe, fessure da cui escono terribili mostri. Condivide la piccola casa con la sorella maggiore Asia e il padre. La madre se n’è andata da un giorno all’altro, lasciandoli soli e facendo perdere le sue tracce.  La sua realtà familiare è capovolta: i padri non fanno i padri e i figli non fanno i figli. I ruoli sono invertiti, con adulti irresponsabili e minori seri e maturi: Asia si occupa della casa e delle bollette da pagare, gli controlla i compiti e il diario, mentre il padre vive di espedienti, ha problemi con la giustizia, sparisce per giorni e spesso staziona al bar, esagerando con l’alcol. Eppure i due fratelli difendono a spada tratta il loro nucleo familiare, per quanto sregolato e scalcagnato, tenendo lontane le intrusioni degli assistenti sociali e della “gente di buon cuore” che viene vista come una minaccia, anziché una risorsa per essere aiutati. 
Un giorno, per puro caso, Ercole si imbatte in Viola, una bellissima ragazza lentigginosa e dai capelli ramati, che vede a un chiosco di fiori attraverso il finestrino dell’autobus su cui sta viaggiando.  Se il colpo di fulmine esiste, questo è un esempio. Ercole si getta dal pullman e si avvicina al banco di fiori con una scusa. Gli opposti si attraggono: Viola è diametralmente diversa, appartiene a un universo parallelo, che Ercole può solo sognare. Ha una famiglia benestante, una casa grande e accogliente ai piedi della collina di Torino, due fratelli che studiano all’estero, frequenta un noto liceo classico nel centro città e fa canottaggio sul Po. 

Ercole è un ragazzo particolare. Considerata la sua età, la sua caratteristica più strana è quella di non possedere un cellulare. Vallo a trovare un ragazzo dei giorni nostri che non ha uno smartphone né la connessione internet a casa, né il telefono fisso! Ercole è più unico che raro, ma questa sua privazione a cui si è abituato senza troppa difficoltà, ora diventa un problema: come fare per comunicare con Viola? Come mettersi d’accordo con lei per vedersi? Ercole ricorre ai vecchi sistemi di una volta, quando la tecnologia era pura fantascienza: va a prenderla a scuola, la aspetta davanti al liceo Gioberti. Un gesto che gli conferisce un’aura romantica. Di fatto è un ragazzo coraggioso, che non si vergogna della sua famiglia, che non nasconde agli occhi di Viola il suo tessuto familiare e sociale. Si mostra per quello che è, senza imbarazzo e senza maschere. 

Nel corso della vicenda inizierà a cercare sua madre, per ritrovarla. Per capire le ragioni dell’abbandono. Le madri contengono: sono l’argine che impedisce ai figli di straripare. Senza una madre, un figlio rischia appunto di rompere l’argine ed esondare.  Esili indizi fra le mani. Un pugno di cartoline, alcune spedite da una località che si chiama Erta, un posto che sulla cartina geografica non esiste, ma che l’autore immagina trovarsi tra le montagne piemontesi della Val Chisone. Ercole si mette in viaggio su una bicicletta sgangherata e le tasche vuote. Tra le cime dei monti troverà una persona molto speciale a cui si legherà moltissimo, da proteggere e difendere da adulti ancora una volta inaffidabili. 

Ercole: un destino già scritto nel suo nome. Ercole è il famosissimo eroe della mitologia greca e romana, dio degli atleti, fortissimo protettore degli uomini minacciati da pericoli e mostri primordiali. E infatti il protagonista, nonostante la giovane età, è un eroe nella sua dura quotidianità. Un cucciolo di uomo che deve combattere contro genitori alla deriva, che hanno perso la bussola della loro vita e che quindi non possono essere buoni educatori e proporre modelli positivi. In fondo Ercole desidera una semplice cosa che gli spetta di diritto: una vita migliore e la possibilità di riscattarsi.  

Viviamo in un momento

Viviamo in un momento storico difficile, un virus di odio si muove silenzioso dietro facce che sembrano assolutamente normali. Dove ricchi sbruffoni possono sentirsi legittimati a creare leggi a loro immagine e somiglianza e a fomentare una guerra che sembra sempre più infinita e insensata. Ci guardiamo intorno sperando che non tocchi a noi, ma stanno attaccando proprio noi, in quel momento. Seminando la paura, il dubbio. Il sospetto. É un momento storico in cui i dittatori sembrano portatori di libertà. Colore, religione e cultura tornano a essere discriminanti. Basta un petardo per evocare la paura, ma il terrore continua a scavare molto più a fondo. Ed è questo quello che mi fa più paura: l’odio che leggo nei confronti di un nemico immaginario, che viene scagliato su chi è diverso. Viviamo in un momento difficile, ma i libri di storia lo raccontano perfettamente.

Ristorante Dal Pucci a Noli: qualità e vero sapore di mare

Partiamo con una nuova rubrica, andremo alla ricerca di nuovi posti in cui il cibo è protagonista e il sapore la trama principale. Il primo locale di cui parleremo è “Ristorante Dal Pucci” a Noli, cibo a base di pesce, ovviamente, ottimi prodotti e ingredienti rendono i piatti gustosi, leggeri e gradevoli anche alla vista, grazie a una presentazione efficace e non eccessiva. Un buon compromesso tra qualità e prezzo. Vale assolutamente la pena passare da questo locale e concedersi un pranzo o una  cena in un luogo, tra l’altro, incantevole. Non conoscevo Noli e ora ho un motivo in più per volerci tornare. Antipasto a base di pesce e un fritto misto di mare cucinato come si deve, gustoso, senza eccessi di frittura e decisamente leggero. Una particolarità che non avevo ancora assaggiato, le cozze fritte. Una bella scoperta. Il resto del menù presenta diverse soluzioni, anche con primi decisamente accattivanti, ottima qualità del vino sfuso, ma non manca un’ampiace scelta di bottiglie di qualità. Servizio veloce e professionale. Assolutamente consigliato. 

 

 

 

Il Morandazzo 2, il nuovo lavoro di Massimo Pica

Massimo Pica ci aveva già abituati a un sarcasmo colto e perspicace con “Il Morandazzo”, in cui descriveva i film con una battuta secca e dissacrante. Eccoci quindi al secondo volume che continua quest’opera comica, intelligente e che riesce a far venir voglia di andare a guardare i film citati. E non è poco. Una carrellata di freddure, secche, divertenti e soprattutto mai banali. Poche parole per evocare interi mondi cinematografici, un’analisi attenta alla base delle battute rende il tutto molto attuale e concreto. Massimo Pica è sicuramente un personaggio che sa farsi leggere e ascoltare e di cui sentiremo parlare ancora. Non mi stupirebbe se dopo le battute Pica proponesse un vero e proprio romanzo comico. Noi aspettiamo e nel frattempo consigliamo il primo e il secondo volume de “Il Morandazzo”. Cinema e risate, che volete di più? 

Sui Generis Editore.

“La Gravità senza peso” di Fabio Biale

L’album “La Gravità senza peso” di Fabio Biale è musicalmente bello, complesso, ben studiato, cantato e interpretato. Ma andiamo a raccontare questo disco. “Il bolo isterico” è un brano ironico, con una forte matrice jazz e un testo molto attuale. “Canzoni da More” è una ballata intrigante e intensa, il pianoforte e il violino in sottofondo sono da brividi, così come le parole. Calde e travolgenti, in equilibrio tra le emozioni e i giochi di vita. “Crapa pelata” è una canzone che usa il sarcasmo e la dinamica musicale per creare un mondo in cui ogni immagine è una scena di un film, la trama di una storia da raccontare davanti a un bicchiere di vino. “La Caffetteria Bandiani” racconta con un jazz dalle atmosfere anni trenta una storia semplice, con protagonisti un uomo e una donna, che sembrano distanti anni luce, ma sono più vicini di quanto possano pensare. “Albergo Zot” viaggia su uno storytelling magistrale, una canzone quasi teatrale, musicalmente elegante e raffinata. Sceneggiature e ambientazioni che incastrano in una storia affascinante e misteriosa, lo stile ricorda i primi brani di Zibba, che in effetti poi compare. “Da una finestra” è un bell’intro musicalmente interessante. “Gesti” è una ballata che si lascia ascoltare, sensazioni incastrate nelle parole e nelle note che esplodono su un ritmo leggero. “Marzo” esordisce come una primavera di violini e chitarre, paesaggi e storie che si celano tra i boschi. Una storia di altri tempi, quando per la libertà si lottava. Un inno importante ai partigiani. “Sì Però Non Eri Qui” è un brano dinamica e carica di metafore, flashback di un futuro e di sogni da ricostruire, illusioni e ricerca di una persona che renda tutto colorato. “Tutto sommato” parla di una vita chiusa tra pareti di scelte, errori e numeri. “Viene la musica” è una ballata raffinata, emozionante, con salti scenici e musicali, un ritornello che avvolge e fa riflettere e sognare. “Rock’n roll” chiude con un rock di altri tempi un disco ricco di bella musica, testi profondi e conditi da momenti di autentico sarcasmo e ironia. Un album completo e, che dire di più, bello.

Parliamo dell’album “Rami” dei Noon

Entriamo nel mondo dell’album “Rami” dei Noon, un disco che è in bilico tra la musica italiana cantautoriale e il sound internazionale. Il giusto compromesso moderno, ma che non tradisce la qualità della musica impegnata italiana. Iniziamo con “Juno”, un brano pop con venature rock, con una melodia e un testo che si lasciano ascoltare piacevolmente. Musicalità e impegno, caratteristiche importanti come presupposto per una buona canzone. “Guerra sugli alberi” è una ballata che affronta un tema sociale con intensità,  scava in terreni difficili, parla di vita, di prospettive, ricordi e futuro e il tutto su una melodia avvolgente ed evocativa di momenti e pensieri. “Heidi 12 A” è un brano profondo, vivo, con un’atmosfera carica di metafore intime, oltre un viaggio che porta a scoprire. E a scoprirsi. “Salici” racconta le incongruenze degli occhi che compriamo in saldo, delle apparenze che devono emergere con prepotenza, fino a farci dimenticare quello che siamo, ciò che vorremmo essere. O che non saremo mai. “Mille rami” è un pezzo in cui emerge un’anima rock, un ritmo che coinvolge e anche in questo caso trascina con la forza di un testo potente, che con prepotenza racconta i postumi di una vita in equilibrio tra l’essenza di esistere e il non riuscire a ritrovarsi mai. “Is” è un brano strumentale, altamente evocativo e intriso di sensazioni che vengono veicolate dalle note. Un intermezzo musicale da far venire i brividi. “Annarella”(cover)  è una ballata elegante che parla di sentimenti e vita, una melodia raffinata a ben costruita. “Duluth” racconta il dramma di una società che non vede, persa nella sua in-essenza, nella speranza che si perde. “Scatola1” parla della vita, dei suoi giochi, delle sue illusioni, dove le metafore e delle illusioni si fondono. E ci resta un grido, un pensiero. E una speranza. Come se tutta la vita fosse, appunto, in una scatola. “Valdaro”. Quando la musica fa rumore, quanto impatta e supera i pregiudizi di ciò che una canzone dovrebbe, o non dovrebbe fare. La certezza di voler raccontare, nonostante i silenzi, le ostilità, le notti insonni.  “Giganti  (i Ragazzi Di Aberdeen)” è una ballata leggera, ma non per il peso dei ricordi, dei giorni da dimenticare, o da lasciare lì come monito, a un futuro confuso. Un disco elegante e affascinante, sia musicalmente, sia come livello di testi. Giochi di metafore e argomentazioni che puntano al cuore dei problemi, in primis quelli sociali, senza tralasciare i valori della vita e dei sentimenti. Un album decisamente completo, che non manca di far emozionare e riflettere.  Un disco da ascoltare più volte per capire e capirne le sfumature. Orecchiabile, mai scontato. Consigliato.

LO SCONOSCIUTO di Elena Cerutti edito da GOLEM EDIZIONI a cura di Anna Serra

Giovanni e Stella. Una storia come tante, di due che si incontrano, si piacciono e si innamorano. Tuttavia la madre di Stella, a cui lei è fortemente legata, è molto perplessa: Giovanni non la convince per niente e mette in guardia la figlia, ma Stella non ascolta nessuno, solo le ragioni del suo cuore di donna innamorata, e va avanti caparbia per la propria strada, anche quando lui, con la stessa bocca la bacia dolcemente e la insulta aggredendo la sua autostima, e con le stesse mani l’accarezza come un premuroso amante e la riempie di botte.

Giovanni, l’uomo dalla doppia personalità, capace di parole appassionate e di gesti bestiali. Un amore ingannevole. Eppure Stella non è sprovveduta, ingenua, condizionabile e con scarsi mezzi culturali; stiamo parlando di una persona colta, di una promettente dottoressa in medicina impegnata nello studio e nel lavoro. Ciononostante si lascia invischiare in una relazione malata, che le crea dipendenza e isolamento. In poco tempo Stella si ritrova sola, si allontana dalla sua cerchia di amicizie e dai parenti più stretti, soggiogata da chi giura di amarla infinitamente e le promette ogni volta di cambiare, di non farlo più, implorando il perdono per le percosse e gli attacchi immotivati di gelosia.

Stella prova a lasciarlo, a dimenticarlo e a concedersi nuove storie, ma inspiegabilmente si ritrova sempre al punto di partenza, come se un filo invisibile e indistruttibile la tenesse legata a lui, nonostante la paura e le umiliazioni. E quando Giovanni si rifà vivo dopo un lungo silenzio, Stella ricade nella trappola e continua a fidarsi di lui, sola contro tutti, convinta di poterlo cambiare con la forza del suo amore. Una trappola che si chiama matrimonio e figli. Stella si sposa e darà alla luce due bambini, un maschietto e una femminuccia, in una apparente felicità familiare, che però è solo una bella facciata da mostrare agli altri. In realtà gli equilibri familiari si reggono su un filo molto sottile e debole: basta un niente per spezzare l’armonia. Giovanni è un abile manipolatore e sa come plasmare la mente dei suoi bambini, facendo sentire Stella una madre incapace e inaffidabile, minando la sua autostima ancora una volta.

Per buona parte del libro mi è venuto istintivo gridare: “Scappa Stella! Prendi i tuoi bambini e allontanati da lui! Non permettere che ti maltratti e ti sottragga denaro. Denuncialo e fatti aiutare da chi ti vuole bene sul serio”. E a un certo punto il mio grido è stato accolto dalla protagonista, che finalmente dopo anni di cecità apre gli occhi destandosi dall’incantesimo e capisce davvero chi sia suo marito. Ma la via verso la liberazione e il riscatto per una vita diversa è insidiosa e contorta: Stella deve fare i conti con leggi, istituzioni e forze dell’ordine che non la tutelano abbastanza. E soprattutto deve affrontare il diabolico piano vendicativo dell’ex marito. E’ l’inizio di un nuovo calvario, fatto di minacce, messaggi deliranti, email per screditarla agli occhi della gente e manipolazione delle giovani menti dei loro figli. Una lotta psicologica senza esclusione di colpi. Pagina dopo pagina la rabbia del lettore ribolle e finisce con l’esplodere contro Giovanni, che suscita ribrezzo e indignazione. Lo si vorrebbe annientare. La stessa Stella, in alcuni impeti di collera, si lascia sedurre dalla prospettiva di ucciderlo, ma in questo modo passerebbe dalla parte del torto e comunque non ne sarebbe capace. Stella non è un’aguzzina. E’ una vittima che lotta per difendere la sua integrità di donna, di madre e di lavoratrice onesta e devota.

Un romanzo basato su una storia vera, che parla a tutto il mondo femminile, soprattutto a quelle donne che subiscono in silenzio la prepotenza e la gelosia incontrollata di uomini molto vicini a loro, che finiscono per diventare dei pericolosi sconosciuti. Ma parla anche al mondo maschile, insegnando il rispetto verso la famiglia e il vero senso dell’amore, che mai deve fare rima con terrore.

Parliamo di Borgo Propizio, il romanzo di Loredana Limone

Borgo Propizio è un romanzo delicato, narrato in modo particolare, in bilico tra ironia e realtà. Un non luogo popolato dalle isterie della nostra società, che si incastrano e si incagliano di fronte a quello che tutti cercano: l’amore. Punti di vista diversi e sogni, come quello di Belinda di aprire una latteria cool. Mariolina, Marietta e Ruggero sono solo alcuni dei personaggi che si alternano su quello che sembra un palcoscenico di un teatro di periferia, dove proprio lo spirito della periferia diventa il vero protagonista, così come lo sono le voci che condizionano la storia di ognuno dei personaggi. Loredana Limone costruisce un mondo alternativo, come un’altra dimensione dove i sentimenti di attorcigliano e si mischiano alle speranze e alle frustrazioni. Emozioni comuni, in una storia affascinante, con la decisa speranza di raccontare, in fondo, la vita di tutti noi, ma in una chiave nuova. Uno stile costruito più come una fiaba che come un vero e proprio romanzo, una tecnica di narrazione semplice e diretta, una trama che non si prende sul serio e racconta di cose importanti, senza nemmeno rendersene conto.

 

Parliamo dell’album “Acqua Alta a Venezia” dei Nadiè

Entriamo nel mondo dei Nadiè e in particolare dell’album “Acqua Alta a Venezia”, dove rock, melodia e attualità si fondono per regalare emozioni e sensazioni intense. Si inizia con “Conigli”,  un brano criptico che riesce a far vedere con chiarezza un’immagine struggente e irriverente del mondo e di noi stessi. Un senso malinconico di precarietà emotiva, qualcosa di profondo che rimane in bilico, annientato dal silenzio. “In discoteca” svela quello che le luci psichedeliche nascondono, le ombre dietro i divanetti e le anime perse in una nebbia, in cui la speranza sembra perdersi. “Solo in Italia si applaude ai funerali” mostra il lato oscuro di un paese controverso, in cui la giustizia troppo spesso è la grande assente, seguita dalla speranza di ritrovarla intatta. E soprattutto ancora viva. “La bionda degli Abba” è un ritratto intenso e carico di amarezza, ricordi e sensazioni sparse per terra. “Breve esistenza di un metallaro” è una storia che parte dal dietro le quinte di vite rimaste ai margini di se stesse. Mentre si cerca qualcosa, si scopre di aver perso, forse tutto. “Dio è chitarrista” è un brano in cui il rock trasuda da ogni nota, senza togliere spazio ai testi anche in questo caso profondi e ricchi di metafore di vita, con metafore che giocano sul ruolo della religione e le sue contraddizioni. “Acqua Alta a Venezia” è uno spaccato di una società, raccontata con giri di parole, metafore, ma senza allontanarsi dalla cruda realtà, che emerge prepotentemente. “Gli Sposi” è un quadro amaro, i risvolti di un amore che si tramuta in indifferenza, reso simile a un nuovo regalo, pronto a invecchiare e a essere dimenticato. “Fuochi” è un brano che segue le caratteristiche rock dell’intero album, analizzando la società e i suoi compromessi, per arrivare a quel che resta. E a un futuro che profuma di incertezza. “Bandiere a mezz’asta” è un brano che affronta la società e le sue contrapposizioni culturali e un po’ come in tutto l’album emerge l’amaro di una storia che si trascina spesso senza scontrarsi con la realtà, i problemi e le speranze che sembrano rarafatte. L’album “Acqua Alta a Venezia” è bello, per intensità, qualità musicale, profondità dei temi trattati, costruzione dei brani e interpretazione. Uno stile cantautorale non proprio originale, ma che coglie appieno le radici della musicalità italiana e internazionale, per dare luogo a sonorità moderne e testi decisamente attuali. Un disco sicuramente molto consigliato.

Parliamo del romanzo “L’amore addosso” di Sara Rattaro

Nel romanzo L’amore addosso Sara Rattaro affronta un tema difficile, attuale, decisamente controverso e lo fa costruendo un gioco di specchi con i sensi di colpa. Personaggi che si rincorrono, pur continuando a scappare da se stessi. Parole amare, parole dolci, parole che tagliano a metà sentimenti, per costruirne altri, o, talvolta, per distruggerli senza la minima pietà. Ogni cosa si trasforma, dicono. Ma qualcosa sembra perdersi definitivamente e per sempre, lasciando un alone, forse un’ombra, di incompiuta. Sara utilizza uno stile diverso da quello conosciuto nei precedenti romanzi, più scarno e più intenso. Rende le frasi più dirette, con una tattica spietata mette in scena una storia difficile da raccontare, in cui si alternano ambientazioni e avvenimenti, sensazioni e colpi di scena. Una narrazione che diventa più serrata, per poi fermarsi e far riflettere con le parole, ma più che mai proprio con le immagini. L’amore viene ridotto in polvere, per diventare materiale per costruire qualcosa di diverso, forse un senso di quello che è veramente ciò che proviamo per noi stessi. Il tradimento diventa un mezzo per viaggiare attraverso le paure, i controsensi, le intese disattese, fino ad affrontare temi cari alla psicologia, come il rapporto genitore figlio, con tutte le aspettative mancate che spesso ne derivano. Sara Rattaro scava a fondo, come è solita fare, nell’animo umano, andando a cercarne il lato oscuro, per poi illuminarlo a giorno. L’amore addosso sembra raccontare qualcosa di segreto, nascosto, proibito, scabroso, ma, invece, racconta qualcosa di molto, molto, più perverso. La verità, il pensiero più vero, l’animo umano, in poche parole, chi siamo davvero.