Holidays in Rome di Animarea – un progetto di Gabriele Toniolo

Un disco fresco, appassionato, musicalmente attraente, con sonorità che attraversano diverse ere musicali, per approdare al presente con un prodotto bello e intenso.  Sin dal primo brano che da il nome all’intero disco “Holiday in Rome” ci si lascia trasportare in un’atmosfera che parte da una musicalità anni quaranta, per approdare a un pop dalle venature jazz. “Love at first sight” è una bellissima ballata, uno swing che non lascia scampo, coinvolgente, nei  suoi passaggi musicali, che lo rendono ballabile e intenso.  “Hunting high e low” parte come un lento di altri tempi, ci si immagina già in un locale fumoso, come in un film, quei locali jazz dove la musica nutriva l’anima. Suoni che riempiono i sogni, musicalità armoniosa e piacevole.  “You Shine on me” è un brano dal ritmo ballabile che richiama le atmosfere degli anni settanta, rivisitati con sonorità attuali, miscelati con altri senza tempo, con un risultato decisamente convincente.  “My heart il Yellow” è una ballata arricchita da un suono di violino che rende le atmosfere ancora più sognanti e internazionali. “I will never tire of fighting for love” si racconta in un jazz con aperture soul e blues ed esplodendo in un pezzo che non ha bisogno di troppe presentazioni per chi ama la musica nella sua interezza. “Smile” ha un ritmo più divertente e leggero, uno swing dinamico e moderno, che non manca di evocare la storia musicale dei musicisti che fanno parte di questo progetto. Un brano molto radiofonico, ballabile ed elegante.  “Les copain d’Abord” sembra un’opera francese, affascinante, passionale, insomma, bella e gradevole. “Far Beyond the stars” è una ballata intensa che esplode in una musicalità evocativa dei brani anni settanta, con contaminazioni talmente ben costruite da non essere nemmeno più definibili, poiché il risultato è una musicalità completa, senza bisogno di etichetta. Quando la musica è bella, non ha bisogno poi di troppe parole.  “I will come” chiude il disco. Ed è proprio con quel velo di malinconia che avvolge, come quando qualcosa di bello sta per finire. Ed è proprio il caso di dirlo per questo disco. Un lento, leggero e travolgente, come solo un brano come questo può fare. Sound internazionale, ma che richiama una musicalità anni cinquanta, ma solo per poter raccontare cosa ci si può aspettare da questo disco. Originale, evocativo, musicalmente splendido, cantato in modo divino, suonato in modo incantevole. Che questo disco mi sia piaciuto, non sembra un mistero. Lo consiglierei a un pubblico che ama la musica vera, quella senza tempo. E che resta ben oltre il tempo e le stagioni. Un bel disco.

“Il Bastardo” di Simone Piva e Viola Velluto

“Il bastardo” è il primo brano del disco omonimo. Un genere particolare, un rock da saloon, ricco di figure metaforiche da far west. Un duello musicale tra fantasia e realtà, condito da un ritmo coinvolgente, miscelato da contaminazioni stravaganti, fino a sfiorare il flamenco. “Hey Frank” continua il parallelismo e la similitudine tra il west e la provincia di oggi, tra i cowboy e i disperati di vita persi nelle strade. Un ritornello che sembra rincorrersi. “Hello Madame” è una ballata che richiama le caratteristiche dell’intero album, anche in questo caso sfociando in sonorità evocative, di altri tempi. “Quando saremo giovani” racconta uno spaccato della vita moderna, un quadro amaro, quanto mai reale.  “Nord Est” è un’altra ballata che ferma il tempo e il momento, in un luogo molto lontano nel tempo. E nella realtà. “Far West”  vive in una dimensione a cavallo tra fantasia e realtà, in un gioco di specchi e metafore. Un caffè che in fondo è la vita. Un luogo distante, ma fin troppo vicino. “Noi” chiude il disco con una sonorità tra folk e pop, in un racconto semplice tra metafore e giri di parole. Un disco sicuramente particolare, che cerca di affrontare tematiche sociali, ci prova, anche usando sonorità evocative e non scontate, sembra tuttavia mancare qualcosa per rendere questo disco incisivo, senza entrare nel merito delle scelte stilistiche mi viene da pensare che suoni un po’ vecchio, rispetto alle sonorità moderne. Un punto di vantaggio per chi ama questo genere. E non sono pochi. Ma forse meno fruibile in base al pop odierno. Una scelta coraggiosa e forse di nicchia, per lo meno per il mio punto di vista, ma che può raggiungere un pubblico che non mancherà di apprezzare questo sforzo.

Recensione del disco “Succederà” di Giò

Un funk pop con qualche venatura di hip hop orecchiabile è quello proposto nel brano “Io sarò lì”. In “Quello che voglio” si sente una buona melodia e un testo semplice ma efficace.  “Succederà” ha un incedere più intenso dei brani precedenti, sembra un jazz dinamico e coinvolgente, senza mai perdere il punto di vista pop. Un brano leggero e piacevole.  “Cose che non ho visto mai” inizia con uno stile rock gradevole, un testo che prova a entrare nella sfera del sociale, perdendo però contatto troppo presto naufragando nella metafora e chiudendo in modo anonimo.  “Noi” prova a raccontare uno spaccato di vita, giocando sulle metafore e sui giri di parole, troppo, a mio modesto avviso, perché il senso si perde e rimane poco. L’Ep termina con una versione acustica di “Io sarò lì”, versione interessante, il brano è carino. In generale il disco presenta diversi spunti interessanti, ma non convince fino in fondo. C’è ancora da lavorare per raggiungere una maggior decisione, soprattutto per farsi capire davvero e riuscire a lasciare un segno e un senso su cui riflettere.

“Non ditelo allo scrittore” di Alice Basso a cura di Daniele Mosca

“Non ditelo allo scrittore” è il terzo romanzo di Alice Basso. Lei è brava, lo abbiamo detto sin dal primo romanzo. E questa è una nuova avventura della protagonista Vani Sarca, che oltre a essere una bravissima ghostwriter, capace di leggere nella mente dei personaggi per cui scrive libri, collabora con la polizia. Questa volta si ritroverà coinvolta in un’indagine davvero molto pericolosa ed emergerà una sensazione che mai aveva provato prima, quanto possa essere difficile sapere che la persona amata possa fare un lavoro pericoloso. Già, perché il commissario Berganza e Vani si ritrovano molto vicini. Tuttavia il vero lavoro di Vani è scrivere libri per altri. E le viene affidata una missione: ritrovare un altro ghostwriter di un libro diventato famoso e che è ritornato in voga con la morte dell’autore. Vani dovrà collaborare con il presuntuoso ghostwriter e insegnargli l’arte di comunicare in pubblico, arte in cui lei sicuramente non eccelle. Proprio per questo il famigerato Enrico, nonché editore di Vani, gli affianca una persona per aiutarla in questo difficile compito. Peccato che il collaboratore in questione sia il suo ex-fidanzato, nonché autore di successo, nonché maestro nelle pubbliche relazioni: Riccardo. Il romanzo miscela ironia, sarcasmo, sentimenti, suspence, con un equilibrio degli ingredienti che Alice Basso gestisce con una consueta maestria, a volte puntando più sugli aspetti sentimentali della commedia e meno sull’indagine. D’altro canto questo capitolo nella sequenza narrativa della storia di Vani è un importante e segna una svolta che ogni lettore potrà apprezzare. Non direi altro, se non che attendo con impazienza il quarto romanzo della serie.

Rino Gaetano: un mito predestinato edito da Terre Sommerse

Rino Gaetano: un mito predestinato racconta molto di più di una biografia di un artista, ma di un vero e proprio mondo. Un panorama di artisti emergenti e che presto sarebbero diventate delle vere colonne della musica leggera italiana che girava attorno a un’etichetta: la it. Si susseguono aneddoti e curiosità su quella che è stata la faccia della it, ovvero Vincenzo Micocci. In questo libro a raccontare questa affascinante storia sono Stefano Micocci e Carlotta Ercolino che ripercorrono le tappe di una lunga avventura. Si narrano i primi incontri artistici con il giovane Venditti, Dalla, De Gregori. Pensieri, atmosfere e i sogni di portare in Italia un modo nuovo di fare musica, in un panorama musicale italiano ormai influenzato dalle atmosfere internazionali, che spaziavano in quel periodo in diverse direzioni che sarebbero diventati a breve il futuro della musica stessa. In questo clima di rinnovamento e sperimentazione compare un cantautore che sembra anomalo, ma che ben presto si dimostrerà un innovatore nato: Rino Gaetano. Si parla di questo artista quasi analizzandone l’immagine a partire dalla sua fine, dal tragico incidente. E come riavvolgendo il nastro, si crea il mito, sino alle sue origini. Un esperimento che sfrutta le metafore, le analogie, la creatività, per disegnare il profilo di un tempo e di un clima musicale, ma anche sociale e politico. Ci sono le testimonianze dei vari artisti, un incontro quasi mistico con un Fred Buscaglione, che può in questa dimensione confrontarsi con il Rino Gaetano che si è perso in una sera qualsiasi, dopo essersi trovato solo, all’improvviso. Le donne, le amicizie, i pensieri, il tutto raccontato con semplicità e senza mai perdere il filo conduttore che porta all’etichetta it. Come non descrivere le immagini, alcune inedite, che raccontano in un modo diretto il clima e i volti di persone che avrebbero cambiato la storia della musica. Questo libro è una testimonianza importante che riporta alla luce un insieme di informazioni, ma più che altro sensazioni, una storia che si sviluppa nel tempo e che rimane nel tempo. Che ferma gli istanti e racconta in metafore e aneddoti l’essenza della musica italiana e lo fa partendo da un mito: Rino Gaetano.

“Vie d’uscita” de Il sogno della Crisalide a cura di Daniele Mosca

L’album “Vie d’uscite” dei “Il sogno della Crisalide” inizia con un brano intenso e particolare: “la sindrome del porcospino”. Parole che si incastrano, atmosfere che attraversano le note e diventano un mondo a parte che racconta una storia affascinante in un crescendo che avvolge nota dopo nota. “Nuvola d’Africa” è brano introspettivo che si aggira furtivo tra le parole stanche e i pensiero che vorrebbero fuggire via. Come una leggera malinconia, le note si affacciano ai desideri, parlando con una melodia leggiadra. “Colpa della fame” è una ballata che affronta un tema difficile, la cronaca dell’ingiustizia, la morte e la sua assoluzione.  La morte annunciata, quella della giustizia. “Nelle mie lacrime” è un brano profondo, sussurrato, ma che suona come un urlo. Delicato, ma che aggredisce con la forza delle parole e con la sua intensità. “Vie d’uscita” regala un rock che annienta con la cruda realtà, in una sceneggiatura di parole che si perdono nell’ansia dei giorni moderni, nelle paure, braccati dalle sbarre di una libertà apparente. In “Tiramisù” un dolce diventa una metafora del sesso, della vita, del parlarsi, del cercarsi e, alla fine, del ritrovarsi. “Immobile” è una ballata che racconta come si possa viaggiare pur restando fermi, facendo leva sui sogni, sulle note in estasi tra musica e realtà. “Quando sarò capace di amare” racconta l’amore, nelle sue contraddizioni, nelle sue trasformazioni, oltre le sfumature della realtà, senza più paure, timori, fino ad arrivare al suo senso più puro. E più vero. “Ascoltare il pazzo” parla di una voce fuori dal coro, quella voce che però spinge ad andare avanti, a non lasciarsi condizionare da una realtà che frena, isola e che quasi sempre non capisce.  In questo il pazzo conosce una strada che nessuno ascolta, ma che rappresenta un modo per guardare, oltre il coro. “Amore alcolico” regata una polaroid di un modo di vivere che deforma ogni forma d’amore. E lo rende sfumato, lontano, inesistente, con il sapore d’alcool. E di una profonda solitudine. “La musica mi salverà” è un brano che nel suo titolo racconta tutta l’essenza della musica, dell’esigenza, che diventa aria. Che diventa tutto. Un album intrigante e completo.

​ANIME SCALZE  di  FABIO GEDA a cura di Anna Serra

Fabio Geda, scrittore torinese che riscuote molto successo soprattutto fra lettori adolescenti e giovani, torna a parlarci di una storia di ragazzi, con uno stile schietto, colloquiale. Un linguaggio fresco e giovanile, che esce dalla bocca di Ercole, protagonista e narratore, un quindicenne con cui la vita non è stata per niente tenera. Ha dovuto crescere in fretta e uscire dal mondo dei balocchi perché la sua famiglia è sgangherata e la sua esistenza appare “polverosa e irregolare”. Vive in un quartiere popolare di Torino e abita in un minuscolo appartamento dalle pareti cosparse di crepe, fessure da cui escono terribili mostri. Condivide la piccola casa con la sorella maggiore Asia e il padre. La madre se n’è andata da un giorno all’altro, lasciandoli soli e facendo perdere le sue tracce.  La sua realtà familiare è capovolta: i padri non fanno i padri e i figli non fanno i figli. I ruoli sono invertiti, con adulti irresponsabili e minori seri e maturi: Asia si occupa della casa e delle bollette da pagare, gli controlla i compiti e il diario, mentre il padre vive di espedienti, ha problemi con la giustizia, sparisce per giorni e spesso staziona al bar, esagerando con l’alcol. Eppure i due fratelli difendono a spada tratta il loro nucleo familiare, per quanto sregolato e scalcagnato, tenendo lontane le intrusioni degli assistenti sociali e della “gente di buon cuore” che viene vista come una minaccia, anziché una risorsa per essere aiutati.
Un giorno, per puro caso, Ercole si imbatte in Viola, una bellissima ragazza lentigginosa e dai capelli ramati, che vede a un chiosco di fiori attraverso il finestrino dell’autobus su cui sta viaggiando.  Se il colpo di fulmine esiste, questo è un esempio. Ercole si getta dal pullman e si avvicina al banco di fiori con una scusa. Gli opposti si attraggono: Viola è diametralmente diversa, appartiene a un universo parallelo, che Ercole può solo sognare. Ha una famiglia benestante, una casa grande e accogliente ai piedi della collina di Torino, due fratelli che studiano all’estero, frequenta un noto liceo classico nel centro città e fa canottaggio sul Po.

Ercole è un ragazzo particolare. Considerata la sua età, la sua caratteristica più strana è quella di non possedere un cellulare. Vallo a trovare un ragazzo dei giorni nostri che non ha uno smartphone né la connessione internet a casa, né il telefono fisso! Ercole è più unico che raro, ma questa sua privazione a cui si è abituato senza troppa difficoltà, ora diventa un problema: come fare per comunicare con Viola? Come mettersi d’accordo con lei per vedersi? Ercole ricorre ai vecchi sistemi di una volta, quando la tecnologia era pura fantascienza: va a prenderla a scuola, la aspetta davanti al liceo Gioberti. Un gesto che gli conferisce un’aura romantica. Di fatto è un ragazzo coraggioso, che non si vergogna della sua famiglia, che non nasconde agli occhi di Viola il suo tessuto familiare e sociale. Si mostra per quello che è, senza imbarazzo e senza maschere.

Nel corso della vicenda inizierà a cercare sua madre, per ritrovarla. Per capire le ragioni dell’abbandono. Le madri contengono: sono l’argine che impedisce ai figli di straripare. Senza una madre, un figlio rischia appunto di rompere l’argine ed esondare.  Esili indizi fra le mani. Un pugno di cartoline, alcune spedite da una località che si chiama Erta, un posto che sulla cartina geografica non esiste, ma che l’autore immagina trovarsi tra le montagne piemontesi della Val Chisone. Ercole si mette in viaggio su una bicicletta sgangherata e le tasche vuote. Tra le cime dei monti troverà una persona molto speciale a cui si legherà moltissimo, da proteggere e difendere da adulti ancora una volta inaffidabili.

Ercole: un destino già scritto nel suo nome. Ercole è il famosissimo eroe della mitologia greca e romana, dio degli atleti, fortissimo protettore degli uomini minacciati da pericoli e mostri primordiali. E infatti il protagonista, nonostante la giovane età, è un eroe nella sua dura quotidianità. Un cucciolo di uomo che deve combattere contro genitori alla deriva, che hanno perso la bussola della loro vita e che quindi non possono essere buoni educatori e proporre modelli positivi. In fondo Ercole desidera una semplice cosa che gli spetta di diritto: una vita migliore e la possibilità di riscattarsi.

Viviamo in un momento

Viviamo in un momento storico difficile, un virus di odio si muove silenzioso dietro facce che sembrano assolutamente normali. Dove ricchi sbruffoni possono sentirsi legittimati a creare leggi a loro immagine e somiglianza e a fomentare una guerra che sembra sempre più infinita e insensata. Ci guardiamo intorno sperando che non tocchi a noi, ma stanno attaccando proprio noi, in quel momento. Seminando la paura, il dubbio. Il sospetto. É un momento storico in cui i dittatori sembrano portatori di libertà. Colore, religione e cultura tornano a essere discriminanti. Basta un petardo per evocare la paura, ma il terrore continua a scavare molto più a fondo. Ed è questo quello che mi fa più paura: l’odio che leggo nei confronti di un nemico immaginario, che viene scagliato su chi è diverso. Viviamo in un momento difficile, ma i libri di storia lo raccontano perfettamente.

Ristorante Dal Pucci a Noli: qualità e vero sapore di mare

Partiamo con una nuova rubrica, andremo alla ricerca di nuovi posti in cui il cibo è protagonista e il sapore la trama principale. Il primo locale di cui parleremo è “Ristorante Dal Pucci” a Noli, cibo a base di pesce, ovviamente, ottimi prodotti e ingredienti rendono i piatti gustosi, leggeri e gradevoli anche alla vista, grazie a una presentazione efficace e non eccessiva. Un buon compromesso tra qualità e prezzo. Vale assolutamente la pena passare da questo locale e concedersi un pranzo o una  cena in un luogo, tra l’altro, incantevole. Non conoscevo Noli e ora ho un motivo in più per volerci tornare. Antipasto a base di pesce e un fritto misto di mare cucinato come si deve, gustoso, senza eccessi di frittura e decisamente leggero. Una particolarità che non avevo ancora assaggiato, le cozze fritte. Una bella scoperta. Il resto del menù presenta diverse soluzioni, anche con primi decisamente accattivanti, ottima qualità del vino sfuso, ma non manca un’ampiace scelta di bottiglie di qualità. Servizio veloce e professionale. Assolutamente consigliato. 

 

 

 

Il Morandazzo 2, il nuovo lavoro di Massimo Pica

Massimo Pica ci aveva già abituati a un sarcasmo colto e perspicace con “Il Morandazzo”, in cui descriveva i film con una battuta secca e dissacrante. Eccoci quindi al secondo volume che continua quest’opera comica, intelligente e che riesce a far venir voglia di andare a guardare i film citati. E non è poco. Una carrellata di freddure, secche, divertenti e soprattutto mai banali. Poche parole per evocare interi mondi cinematografici, un’analisi attenta alla base delle battute rende il tutto molto attuale e concreto. Massimo Pica è sicuramente un personaggio che sa farsi leggere e ascoltare e di cui sentiremo parlare ancora. Non mi stupirebbe se dopo le battute Pica proponesse un vero e proprio romanzo comico. Noi aspettiamo e nel frattempo consigliamo il primo e il secondo volume de “Il Morandazzo”. Cinema e risate, che volete di più? 

Sui Generis Editore.