Recensione del romanzo “Le otto montagne” di Paolo Cognetti a cura di Anna Serra

Ho comprato il libro di Paolo Cognetti perché mi piace la montagna e, come il protagonista di questa vicenda, ho trascorso da bambina le mie estati circondata da vette e pascoli. E poi perché quest’opera ha ricevuto un illustre riconoscimento, il Premio Strega.

Tuttavia, nonostante queste promettenti premesse, la storia che ho letto si è rivelata in parte una delusione. Non me ne voglia Cognetti, ovviamente è il mio personalissimo punto di vista, ma il libro non è riuscito a catturarmi e a trascinarmi. La mia lettura è andata avanti a singhiozzo, fra sospensioni, riprese, nuovi lasciti e nuove continuazioni. In sottofondo, la scarsa curiosità di arrivare all’ultima pagina, non invogliata da un ritmo narrativo piuttosto lento, sovente costellato di dettagliate descrizioni paesaggistiche che, se da un lato ci mostrano un ritratto fotografico dei luoghi, dall’altro risultano a tratti ridondanti. Decisamente più accattivante la terza e ultima parte, “Inverno di un amico”, col suo epilogo toccante.

La storia ha per protagonisti Pietro e Bruno: il primo è un ragazzino di città, il secondo è un Heidi al maschile, che vive tutto l’anno fra aspri sentieri, torrenti, rocce, mucche al pascolo e alpeggi, immerso in uno scenario mozzafiato ai piedi del massiccio del Monte Rosa. Se per Pietro la montagna rappresenta solo il luogo in cui trascorrere le vacanze estive in compagnia dei genitori, per Bruno è una ragione e uno stile di vita. Una vita dura e spartana, fatta di sacrifici, quella del montanaro, che non conosce la frenesia della civiltà e si accontenta di cose semplici.

Il padre di Pietro, pur vivendo e lavorando in città, sente la montagna scorrere nelle sue vene e la vive fino in fondo inerpicandosi sulle vette più difficili, da esperto alpinista. In queste escursioni in alta quota coinvolge anche il figlio, che però soffre l’altitudine e sovente è colto da vertigini e nausea durante le arrampicate. Ma ha imparato a tacere, a soffrire in silenzio e a non lamentarsi per la fatica, perché suo padre, quando va per sentieri e rifugi, è implacabile e non ammette piagnistei né cedimenti.
Quando il padre non ci sarà più e i due ragazzini saranno diventati adulti, c’è una casa da costruire, un rudere che cade a pezzi e a cui bisogna dare un aspetto abitabile, per realizzare il progetto restato solo sogno del padre defunto. Ed è così che Pietro, ormai uomo, si riavvicina la suo amico d’infanzia e insieme, pietra dopo pietra, legno dopo legno, mettono in piedi una baita. Un pianoro a 2000 metri a farle da cornice. Nel frattempo, Pietro riscopre la montagna, la stessa che da bambino gli procurava fastidio, e avventurandosi in solitario su pareti scoscese, si incammina tappa dopo tappa seguendo le orme del padre.

Mentre Pietro si allontana dall’Italia per esplorare cime ben più alte delle Alpi, ovvero la catena dell’Himalaya in Nepal, Bruno apre un’azienda agricola nell’alpeggio di famiglia e finalmente nella sua vita un po’ burbera e austera fa capolino una donna. L’inizio di una nuova vita, anche se fra mille difficoltà quotidiane. Desideri che cozzano con una realtà spietata, fatta di conti che non tornano e di debiti che aumentano.

Pietro sarà colui che va e viene, che viaggia in luoghi remoti senza dare sue notizie per mesi, mentre Bruno è l’amico/fratello che resta, che getta radici e fondamenta senza mai allontanarsi dal suo bosco e dai suoi prati. Uno dei due ne uscirà sconfitto…

Leave a Reply