#CausaedeffettoBooksChart 2015

#CausaedeffettoBooksChart 2015

Categoria: Autore dell’anno

Sara Rattaro 

Categoria: Best Seller

“Tentazioni” di Argeta Brozi
Edizioni Newton

Categoria: Romanzi d’autore

“Capo Scirocco” di Emanuela Ersilia Abbadessa
Edizioni Rizzoli

Categoria: Emergenti

“Isolde non c’è più” di Bianca Cataldi
Edizioni Les Flaneurs

Categoria: Case editrici emergenti

Spunto Edizioni

Categoria: narrativa ragazzi

“Il Notaio – Playing Game” di Adolfo Conrado

Categoria: poesia

“Loro non mi vedono” di Cristina Mosca

Categoria: romanzi storici

“Il romanzo di Matilda” di Elisa Guidelli

 

 

#CausaedeffettoMusicChart 2015

#‎CausaedeffettoMusicChart‬ 2015

Categoria “Best Italian Album”:
“Il Bello di Esser Brutti” di J-Ax

Categoria “Best International Album”:”Cambio de Piel” di ‪#‎Bebe‬LaBebeBellota

Categoria “Emergenti”
“Looking for Truth” di Margherita Pirri

Categoria “Hip Hop Emergenti”
“Avvolgimento rapido” di Willie Dbz e Joker 302

Categoria “Best Cover Band”
“The Voice Never Lies” dei B-tles 3-bute

Categoria “Singolo”

“Mondobit” di Amelie

Menzioni speciali:

“Muoviti svelto” di ZIBBA

“Il mio modo di ballare” di Paolo Tocco

 

#Parliamodi Muoviti svelto, il nuovo album di Zibba e Almalibre

Zibba è un cantautore di cui conosciamo le abilità artistiche e la profondità dei suoi testi, l’album “Muoviti Svelto” rappresenta un ulteriore passo verso una maturità artistica che riecheggia in tutti i brani, a partire dal primo, “Farsi Male”, un viaggio interiore, una presa di coscienza guardandosi dentro. “Muoviti svelto” è il pezzo che regala il titolo all’album e ne contiene il DNA, con uno Zibba più “antico” radicato nella cultura delle sue origini e di quello più nuovo alla ricerca di nuove sonorità. Un brano che miscela conoscenza e musica, sapori e incanto. “Ovunque” si apre con un sound particolarmente “mistico”, una canzone introspettiva, cauta e impegnata e che esplode man mano in una riflessione che si specchia nelle paure, nella ricerca di se stessi, oltre il contesto sociale. Lasciare un po’ di se nelle stanze della vita. Un finale recitato, teatrale e intenso. Il sorriso altrove” é il racconto di un viaggio, di un tour verso la propria anima. Tornare a casa per sperare di ripartire incontrarsi. La propria vita, all’improvviso. La medicina e il dolore” è un brano decisamente particolare, sia per quanto riguarda il testo, sia per l’apporto vocale del featuring di Patrick Benifei ben inserito nel contesto musicale. Un crescendo gradevole ed esplosivo che entra sin dentro le vene. Le distanze” é un brano leggiadro, poetico e istintivo. Un soffice canto trasportato da parole che catturano. Le distanze che nutrono, i pensieri. Le storie. Le vite. Santaclara” é una canzone introspettiva, che fa riflettere e fermarsi ad ascoltare ogni cosa. Le tracce nascoste nelle sfumature delle parole. Dei colpi bassi, dei sogni infranti. Vengo da te” é un brano dinamico, ritmato e affascinante. Una partenza per tornare a se stessi. Restare per poi tornare dove tutto é iniziato. Parlare, per cercare i silenzi. Che ore sono” é un pezzo lento e inesorabile, uno scontro delle paure e delle speranze. É una migrazione silenziosa nei pensieri. É uno stupirsi delle cose più piccole, scostarsi dal tempo. E dare più spazio agli istanti apparentemente più semplici e insignificanti. Il giorno dei santi” é un brano difficile, carico di immagini e sensazioni. É una presa di coscienza, a tratti amara, con un ritornello che incanta é che fa riflettere sul senso delle cose. Muovitisvelto” é un album complesso, non da primo ascolto. Ogni brano contiene un mondo, ma questa é proprio una prerogativa dell’artista. Vengono affrontati e sviscerati temi diversi, dall’amicizia all’amore. La sofferenza e la pazienza. L’alibi e la paura, la medicina e il dolore, appunto. Come far luce in una stanza buia, una metafora quanto mai efficiente per raccontare la nostra anima. Con tatto e talento Zibba sa muoversi su terreni impervi e poco illuminati. Costruisce un disegno con poche matite colorate. Parla sottovoce, e urla la voglia di vivere. Usa le note con maestria, ma la verità é che le note sono l’essenza stessa di questo artista completo, che con questo album dimostra una maturità acquisita vivendo di musica e vivendo la musica. E questo completa tutto, anche l’anima. Disco consigliatissimo.