Milano mon amour – Diario di una filosofa inquieta di Denny Pellegrino – Le anteprime di Les Flaneurs Edizioni

Parliamo di una nuova proposta dell’editore Les Flaneurs e in particolare del romanzo “Milano mon amour. Diario di una filosofa inquieta” dell’autrice Denny Pellegrino. 

Ma ecco la trama del romanzo:

Quando Denny si trasferisce a Milano dal suo paesino sperduto in provincia di Bari per studiare Filosofia alla Statale, non ha la più pallida idea di ciò che l’attende nella capitale della moda. Improvvisamente, il destino inizia ad aprirle infinite porte tra nuove amicizie, amori costantemente in equilibrio sulla follia e improbabili lavori che non fanno altro che cacciarla in un mare di guai. L’amicizia con Vane e con l’italo-canadese Lu, l’amore tormentato per Lorenzo e i fantasmi degli amori passati, la passione incontrollabile per un uomo molto più grande di lei, diventeranno l’appassionante fil rouge di un diario filosofico e folle, talvolta disperato, sempre irresistibile. Con piglio vivace e scrittura schietta, Denny Pellegrino ci accompagna in una Milano metropolitana, chic e romantica. Una città che è passione, esperienza, emozione. Pura vita incisa su carta.

Scopriamo l’autrice:

Denny Pellegrino nasce a Bari il 1978. A 19 anni si trasferisce a Milano per studiare Filosofia alla Statale. Dopo la laurea in Estetica e l’esperienza lavorativa nel mondo della moda, ritorna in Puglia. Qui intraprende la strada del Giornalismo diventando pubblicista e collaborando per diverse testate locali: Puglia, Barilive, Il Resto. Attualmente dirige un proprio sito d’informazione.

 

I lineamenti essenziali del vuoto di Vito Ricchiuti – Le anteprime di Les Flaneurs Edizioni

Parliamo di alcune novità della giovane casa editrice “Les Flaneurs”. Iniziamo a scoprire il romanzo “I lineamenti del vuoto di Vito Ricchiuti.

 

Ecco la trama:

Una giornata di scuola. Gli amici, i compagni di classe, il viaggio in moto nel freddo con il vento tra i capelli. Le interrogazioni, i voltafaccia, le maschere che indossiamo tutti i giorni per nascondere ciò che siamo realmente. Questa la materia prima che Vito Ricchiuto scompone solo per poi ricomporla con voce giovane, fresca, dandole un sostrato filosofico. Nasce così un prosimetro che si emancipa dalla sua forma per farsi moderno, accessibile, in un melange caleidoscopicodi prosa e poesia. Tanta è la vita che si nasconde dietro la quotidianità, tante ledomande da porsi su quel che esiste e sui motivi della sua esistenza. Bisogna soltanto avere lo sguardo giusto, il coraggio necessario.

Due parole sull’autore:

Vito Ricchiuto è nato nel 1994 a Bari, città in cui ha sempre vissuto. Studente della facoltà di Lettere nell’Ateneo del capoluogo, ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi letterari e ha pubblicato suoi racconti e poesie in varie antologie, tra le quali “SOS Bangladesh” e “BangladesHelp” per ni umanitari. È socio del Movimento Internazionale “Donne e Poesia”.

 

 

A breve presenteremo nuovi titoli dell’editore “Les Flaneurs”.

#Parliamodi “Sospetti sul lago”. L’autrice Anna Serra ci racconta il suo romanzo

Sospetti sul lago” è un romanzo che racconta il viaggio di una donna tra le sfumature di un amore sfumato, tra le parole non dette, le emozioni mancate. La protagonista è Rossella, una psicologa che vive in una solitudine che tale non è, cerca l’amore in un marito assente. Cerca il suo aiuto, la presenza e si ritrova sempre sola. Irrimediabilmente sola. Ed è a margine di questo labirinto di cristallo che Rossella incontra Stefano, un uomo che risveglia le sue emozioni, la sua passione. Qualcosa dentro di lei rinasce, anche i sogni sembrano risvegliarsi come fiori di campo, ma una notte accade qualcosa. Un episodio che cambia la sua vita. Che la annienta. Lo stupro. La paura ha due occhi azzurri, occhi che Rossella inizia a vedere ovunque. Occhi che mettono in discussione anche Stefano. Tutto cambia. Un bacio che diventa inferno, un sogno che si tramuta in incubo. L’incedere di passi che rievocano l’abisso, petali di fiori taglienti come lame. L’amore diventa qualcos’altro, una indecifrabile sensazione, l’incomprensione, il mistero, la certezza che frana come un castello di carte. “Sospetti sul lago” è un romanzo che pone il lettore di fronte al proprio timore più ancestrale, quello che non concede scampo. La volontà di scoprire l’inganno, la volontà di capire ciò che nel profondo è inspiegabile. La verità e le sue diverse dimesioni. La storia è ambientata in luoghi che mostrano una innegabile bellezza e che allo stesso tempo sono misteriosi, celano inquietudine proprio nella traquillità della loro essenza. Un contrasto che sembra rivivere nell’animo di Rossella, il veleno e il suo antidoto. L’amore che nella solitudine trova la sua dimensione, un equilibrio labile, pronto a cadere quando le labbra di Rossella sfiorano quelle di Stefano. Quando l’amore diventa il suo contrario.

“Sospetti sul lago” tiene il lettore in equilibrio sul filo di una storia tormentata, esplora e divora il senso delle cose, le stravolge e le mostra nella più piena nudità delle emozioni.

Ho posto alcune domande ad Anna Serra:

Rossella è una psicologa, cerca di curare l’infelicità altrui, ignorando la propria. Da dove nasce la gabbia di cristallo che le hai creato intorno?

Effettivamente Rossella, essendo psicologa, ascolta giornalmente i tormenti dei suoi pazienti, cercando di porvi rimedio come meglio sa fare. Ma è lei per prima a vivere nell’infelicità. Apparentemente la sua è una vita perfetta, da sogno: ha un lavoro che la gratifica, un marito benestante che le garantisce una quotidianità agiata e una casa stupenda. Cosa desiderare di più? Ma di fatto si tratta, come dici tu, di una gabbia di cristallo: il matrimonio in sé diventa una gabbia nel momento in cui il marito si allontana sempre più da lei, lasciandola sola a gestire una vita costruita per due.

Il personaggio di Alberto è protagonista e allo stesso tempo non protagonista, in che momento della storia assume questa sua caratteristica?

Alberto, il marito della protagonista, diventa sempre meno centrale nella storia per colpa delle sue assenze e della sua distrazione. Rossella si allontana progressivamente da lui e arriva ad un punto in cui l’amore coniugale pare spezzarsi definitivamente. Alberto c’è, è presente in tutta la storia, dall’inizio alla fine, eppure fin da subito assomiglia più a un “fantasma”: si lascia assorbire dal suo lavoro, dalle responsabilità di una mansione professionale d’alto livello e non si impegna seriamente nel rapporto con la moglie. Anche quando lei ha un disperato bisogno di lui, Alberto è sfuggente; nella classifica dei suoi pensieri più importanti Rossella pare non esserci.

Stefano è un personaggio particolare, entra nella storia come un sogno, poi le ombre lo avvolgono, quasi fino a farlo scomparire. Anche in questo caso sembra essere un protagonista che non assume un ruolo principale, qual è la genesi di questo personaggio?

Stefano effettivamente entra nella storia con le sembianze del principe azzurro: fisicamente attraente, simpatico, sensibile. Non perde occasione di regalare fiori a Rossella e a volte le parla come un poeta, come un uomo d’altri tempi. Il vuoto sentimentale scavato dal marito, viene poco a poco colmato dalle attenzioni e dalla galanteria di Stefano. Rossella resta affascinata dai suoi modi di fare, il sentimento di amicizia diventa qualcosa di più forte ed intimo, poi drasticamente tutto cambia e il personaggio di Stefano, prima cristallino, viene inghiottito dalle ombre del sospetto e si carica di mistero. Sembra nascondere una doppia personalità, una doppia vita. L’angelo potrebbe essere, in realtà, un demone. L’uomo buono sembra nascondere una faccia inquietante e pericolosa.

Volevo appunto dar vita ad un personaggio misterioso, ambiguo, che appare in un modo, ma che potrebbe anche essere l’esatto contrario di ciò che sembra.

Sospetti sul lago possiede le sfumature del thriller e le caratteristiche del romanzo di narrativa, come definiresti il tuo genere?

Non lo ingabbierei in un unico genere. E’ un romanzo introspettivo in cui prevalgono i sentimenti, pezzi di vita reale, le riflessioni di una donna alle prese con una situazione difficile; in altri momenti ci avviciniamo al thriller con passaggi in cui la tensione, la suspense e la drammaticità crescono.

Nella storia sembra esserci un filo conduttore nascosto che sembra ruotare attorno a un personaggio apparentemente secondario, come è nata la figura di Gino?

Gino è l’anziano giardiniere tuttofare, uomo instancabile che trova sempre un rimedio ai problemi casalinghi di Rossella. Nei lavori manuali è praticamente il sostituto di Alberto: interviene là dove il padrone di casa è assente e lavativo. E’ descritto come una figura paterna, quel padre che lei ha perso troppo presto. E’ uno dei punti di riferimento della protagonista. Lo vediamo fischiettare allegramente mentre è all’opera tra fiori e piante, rendendo meno cupe le giornate di Rossella.

Diciamo che per costruire la figura di Gino mi sono ispirata a mio padre: quando ho un disguido in casa, qualcosa da mettere a posto, chiamo lui! Non che sia un esperto di bricolage, ma mi ha aiutato molto quando ho messo su casa.

I luoghi hanno un ruolo importante in questa storia, sembrano raccontare l’inquietudine di Rossella, sei molto legata a questi paesaggi?

Il romanzo presenta numerose descrizioni del paesaggio e delle sue metamorfosi secondo le stagioni. I luoghi spesso riflettono lo stato d’animo della protagonista oppure le danno conforto nei momenti più bui. La storia è ambientata nella zona di Avigliana, non distante da Torino, all’imbocco della Val di Susa, con uno sguardo rivolto all’imponente e antichissima Sacra di San Michele. E’ un luogo che personalmente apprezzo molto: a due passi dalla città, nel parco naturale dei laghi di Avigliana ci si immerge nella natura e nella quiete. L’odore dell’acqua, l’ombra degli alberi, lo starnazzare degli anatroccoli, l’ondeggiare delle passerelle galleggianti, le barche ormeggiate a riva, i chioschi dove sorseggiare una bibita o gustare un gelato …. Vi consiglio una rilassante passeggiata! Non rimarrete delusi!

Nel tuo romanzo scrivi di un amore conflittuale, che nella sua essenza appare come una condanna. Quanto è importante l’amore per Rossella?

Rossella è una donna dallo spirito romantico, che in parte crede nella favola del principe azzurro. Per lei l’amore è importantissimo, oltre al suo lavoro è un valore in cui crede molto e quando ha affrontato la scelta del matrimonio, lo ha fatto credendoci fino in fondo e pensando che fosse per sempre. Ma il suo consorte non l’aiuta in tal senso, rendendo le cose più complicate. La condivisione, lo stare insieme, il dialogo, la complicità vengono meno, logorando un rapporto che avrebbe potuto essere speciale. Rossella ce la mette tutta per salvarlo, per renderlo eterno, come aveva immaginato il giorno del “sì”.

La protagonista subisce una delle peggiori violenze che una donna possa subire: lo stupro. Cosa potrebbe mai curare una tale ferita?

Purtroppo Rossella vive un momento molto drammatico: è vittima di uno stupro che le lascerà ferite nel corpo e nell’anima. Diventa diffidente, avverte minacce ovunque, le sue notti sono invase da inquietanti incubi. Proprio lei che è psicologa, abituata a gestire crisi interiori, si trova a dover risolvere e superare un grande disagio.

Come si potrebbe curare una simile ferita? Di ricette non se esistono, ovviamente. Credo che solo il tempo possa aiutare a dimenticare almeno parzialmente il trauma subito. E avere accanto persone che ti vogliono bene, amici, famigliari che con il loro calore e il loro amore ti guidino verso un senso di normalità. Anche il lavoro può aiutare: concentrarsi in ambito professionale e ricevere gratificazioni può essere molto utile per non pensare troppo a quanto accaduto.

La maternità è un tema che viene trattato nel romanzo quasi con cautela, legato al personaggio di Rossella, e che in qualche modo sembra sfuggirle. Perchè questa scelta narrativa?

Sì, è vero, si parla di maternità ma sottovoce. E viene descritto il suo lato più oscuro, meno gioioso: l’altra faccia della medaglia. Rossella scopre di essere incinta in un momento in cui la sua vita matrimoniale si incrina e inizia a domandarsi se suo marito sarà un buon padre, se troverà il tempo da dedicare alla piccola creatura che sta prendendo forma dentro di lei. Comincia a fantasticare sul figlio in arrivo, immaginando di udire la sua vocina risuonare fra le stanze, ma la dolce attesa subirà un duro colpo, lasciando profonde cicatrici nell’anima che faranno male soprattutto nei suoi incubi notturni.

Stai lavorando a un nuovo romanzo? Ci sveli il titolo?

Ebbene sì, c’è un nuovo romanzo in lavorazione, anzi, direi che è terminato. Ci lavoro da molto tempo, ancor prima della stesura di “Sospetti sul lago”, ma l’ho rimaneggiato e stravolto mille volte, finché sono arrivata alla forma definitiva!

La scelta del titolo è ancora in cantiere. Posso solo fare alcune anticipazioni sul contenuto. Innanzitutto non è una continuazione di “Sospetti sul lago” ed è narrato in prima persona. La protagonista è una signora settantenne che ricorda con nitidezza le tappe più significative della sua esistenza, passando attraverso i suoi numerosi e tormentati amori. La donna che fu e quella che è vengono messe a confronto, con le loro debolezze, rimpianti, errori, ma anche con il loro coraggio e forza. E quando si entra nella cosiddetta “terza età”, la vita è ancora capace di regalare stimoli inaspettati per il futuro.

Ringrazio Anna per la gentile collaborazione e per aver raccontato la storia di Rossella.

Recensione album “Ci vorrebbe la felicità” di Endi

L’album “Ci vorrebbe la felicità” di Endi è decisamente orecchiabile, i testi sono semplici, anche se in alcuni casi lo sono un po’ troppo. Entriamo nel merito di questo disco. Il primo brano è “Ci vorrebbe un mondo” e contiene spunti sociali che ruotano su una buona base. La melodia risulta però, alla lunga, monotona e, tutto sommato, poco originale. “Questa estate” è una canzone che ha l’ambizione di unire l’hip hop a un genere piu ballabile, il risultato non convince, manca di originalità e di elementi di “stacco” che lo rendano più gradevole. “Ti guarderò danzare” è un brano melodico con un bel featuring nel ritornello. Un pezzo orecchiabile con un testo sentimentale. “I love bombolone” è un brano orecchiabile con metafore e allusioni. Anche in questo caso la melodia appare monotona e poco originale. “Cercami in un sogno” è il racconto di un’assenza che brucia, un suono che ricalca i pensieri e il bisogno di parlare. “Uso confuso” è un giro di metafore con oggetto le scuse. Rime che si rincorrono. Illusioni. “Qui non ci stiamo dentro” è un brano ballabile strumentale con un buon sound. “Scusa se te lo appoggio” è un brano ironico con un target giovanile. “L’ultima ferita” possiede un buon flow, tuttavia il brano non convince. Da segnalare il featuring nel ritornello. La canzone “Underground” avrebbe delle potenzialità, ma le rime sembrano buttate a caso senza un filo logico. L’album “Ci vorrebbe la felicità” appare musicalmente immaturo, senza spunti di originalità e senza la cattiveria necessaria per proporre un lavoro che possa convincere gli amanti dell’hip hop. Pochi gli spunti attraenti, cito a titolo di esempio i featuring di Gloria B. Vega. nei ritornelli, troppo poco per raggiungere la sufficienza.

 

#Parliamodi “Capo Scirocco” e scopriamo l’autrice Emanuela Ersilia Abbadessa

Il romanzo “Capo Scirocco” di Emanuela Ersilia Abbadessa è affascinante, intenso, passionale, intrigante. E’ una macchina del tempo che trascina il lettore in una Sicilia carica di sapori, pensieri e di una inconsapevole bellezza. L’autrice racconta con maestria i controsensi dell’amore e della vita stessa. La follia di un sentimento, del desiderio e il fascino perfido del successo. L’apice e il vortice. Il paradiso e l’inferno, nello stesso istante. “Capo Scirocco” è un romanzo con una forte componente teatrale, una tragedia moderna, uno specchio che costringe a guardarsi dentro. I personaggi sono l’essenza profonda dell’animo umano, nelle contraddizioni e nei particolari che diventano i veri protagonisti della storia. Della protagonista, Rita, non ci si può non innamorare. Trasuda fascino e personalità, il suo amore è carnale e spirituale, incantato e disincantato. La sua è un’anima a cui manca qualcosa, e la cerca nel teatro, poi negli occhi di Luigi, senza trovarlo mai. Luigi è un ragazzo, che cerca di essere uomo, senza diventarlo mai. Anna è una ragazza, che vuole sentirsi donna. E accetta di esserlo, proprio quando vorrebbe fermare il tempo. Mimì è il cinismo, che cela la lealtà. I profumi di una terra che sembrano raccontare le vite stesse dei protagonisti. Il mare che racconta. Il vento che narra. “Capo Scirocco” è una storia che racchiude la storia di ognuno di noi. Delle sue paure, delle ambizioni che spazzano via ogni cosa. Della resa e del ritorno. Del giorno che svela la notte. Il bacio rubato. Il bacio necessario. Ogni parola di questo romanzo è un racconto a sé. Uno stile moderno e classico, allo stesso tempo L’ossimoro che è l’anima stessa del romanzo. La luce e l’ombra. L’essenza. Un romanzo da non perdere.

Ma andiamo a conoscere l’autrice di “Capo Scirocco”:

Donna Rita è un personaggio controverso, una donna passionale e allo stesso tempo devota. Come è nata l’idea di questo personaggio?

Non credo che Rita sia molto diversa dalle donne che conosco. La devozione, nel caso del personaggio è un pretesto legato all’ambiente in cui vive: il vero dissidio è tra l’essere e il dover essere e in questo credo sia simile a molti, non solo alle donne. L’approccio passionale alla vita è tutto femminile ma le pressioni sociali sulle sue scelte penso possano riguardare un po’ tutti. Solo con la maturità si riesce a prendere le distanze da ciò che gli altri pensano di noi e Rita ha una maturazione complessa e incompleta che associo al fatto di non essere stata madre e di sentirsi sempre un po’ figlia di qualcuno. L’ho modellata sul tipo delle eroine dell’opera italiana, la fonte di ispirazione e il gioco che ho voluto inscenare è proprio il melodramma ottocentesco con amori a tinte forti.

Luigi nasconde molti dei lati negativi degli uomini, quasi un cieco egoismo che non gli consente di vedere la sofferenza che può provocare una sottile indifferenza, cosa ti ha spinta a disegnare quell’ombra di cinismo in questo personaggio?

Io amo i personaggi cinici in letteratura e in qualche modo anche nella vita perché spesso, non sviati dal filtro delle convenzioni sociali, arrivano al fondo delle cose. Ma Luigi più che cinico è semplicemente tronfio e ambizioso, il vero cinico è l’amico Mimì che io amo follemente, il solo cioè a vedere la realtà per ciò che è, e anche il solo a comprendere infatti il dramma che si sta consumando. Il problema di Luigi è simile a quello di Rita: anche lui è un immaturo, cresce fisicamente e nella scala sociale ma così in fretta da non avere il tempo di maturare all’interno una vera consapevolezza dei sentimenti.

Terzo e non meno importante protagonista della tua storia: Anna. Il suo candore si scontra con gli interessi e con un amore puro. Anche in questo caso c’è quella contraddizione, che spesso è la chiave dell’anima di tutti gli esseri umani. Scrivendo il libro hai mai davvero “tifato” perché rubasse lei il cuore di Luigi?

Anna è il più moderno dei personaggi, sa quello che vuole e quando si innamora lo fa con consapevolezza e con altrettanta consapevolezza comprende quando è il momento di lasciare la scena. Non ho mai tifato per lei perché sapevo già dall’inizio come sarebbe andata, i miei personaggi non fanno nulla che io non mi aspetti, a volte possono prendere strade più lunghe ma alla fine arrivano esattamente dove avevo previsto.

Si sente il sapore di una Sicilia caliente, pura e inconsapevole della sua bellezza. Come è cambiata dal periodo storico in cui hai ambientato il romanzo a oggi?

Credo che la Sicilia sia cambiata moltissimo sul piano sociale e quindi il giogo della chiesa e della famiglia adesso abbia lo stesso peso che ha in altre parti d’Italia o d’Europa. Non penso invece sia mutato l’approccio alla vita, la passionalità. L’idea di bellezza inconsapevole mi piace molto, grazie per avermici fatto pensare, e, sì, credo che la sola vera bellezza sia inconsapevole e in questo la Sicilia non credo sia cambiata così come è la stessa la fierezza antica che possiede e che rappresenta uno degli altri contrasti di cui abbiamo detto.

Emanuela Ersilia Abbadessa. Un’artista eclettica e comunicativa, una tecnica fine e affasciante, ma chi è davvero Emanuela? Cosa nasconde?

Nel mio cinquantesimo anno di vita ho deciso di cominciare a tatuarmi per una serie di lunghe e complesse ragioni che affondano nella mia infanzia e che ho raccontato in una pagina del mio blog. Quando pensai al primo tatuaggio non ebbi alcun dubbio: da adolescente, leggendo l’Antologia di Spoon River mi colpì molto l’epigrafe di Serepta Mason, soprattutto il verso che dice: “Voi non vedeste mai il mio lato in fiore”. Allora avevo risolto di volerlo sulla mia tomba e al momento di pensare al primo tatuaggio mi resi conto che quella frase mi corrispondeva ancora perfettamente e così ho deciso di farmela scrivere sulla pelle: “My flowering side you newer saw”. Perché io sono una donna trasparente, mi racconto senza filtri e senza pudori, chi mi conosce sa quanto riesca a consegnarmi a chi ho davanti ma in realtà esiste un lato di me nascosto che credo non potrà mai essere visto da nessuno. Quindi non è che io nasconda ma forse semplicemente ho l’esigenza di tenere qualcosa per me proprio per arginare questa smania di rivelarmi.

Leggendo il tuo libro ho pensato a una “tragedia moderna”, cosa c’è dello stile classico nel tuo romanzo?

Credo soprattutto la lingua. Il mio romanzo è scritto interamente in italiano senza alcuna concessione al dialetto siciliano (vezzo molto di moda ultimamente che non amo). Credo contenga due sole parole tratte dal mio idioma locale. Una è una “parola del cuore” per me, picciridda (il modo in cui mi chiamava mia nonna paterna e poi mio marito) e vastasi usata per indicare i trasportatori del pianoforte e dunque usata secondo l’etimologia greca, da bastazo, appunto. Per i popolani, ma non solo per loro perché anche donna Rita vi indulge, ho pensato a costruire alcune frasi secondo la sintassi siciliana e quindi col verbo alla fine della frase, oppure ho usato alcuni avverbi italiani nell’accezione squisitamente catanese. Ma davvero poca cosa. Io sono italiana perché parlo l’italiano e scrivo in italiano; le coloriture locali sono il massimo che credo possa avere cittadinanza nella mia scrittura e non discendono da un desiderio di realismo (l’iperealismo, che è altra cosa, l’ho riservato alle descrizioni) quanto piuttosto dalla possibilità di modellare la lingua pur restando aderente all’italiano.

Una forte componente religiosa è parte integrante della storia, che rapporto hai con la religione?

Ho avuto una formazione cattolica e sono stata cattolica, anche praticante, per molti anni ma non solo. Amo la teologia e ho approfondito la lettura delle Scritture e lo studio di alcune religioni, soprattutto quelle monoteiste. Sono passata poi dall’agnosticismo all’ateismo e tale mi ritengo adesso pur avendo rispetto per le fedi altrui.

L’amore. Angelo e demone in tutte le sfumature del tuo racconto. Come non chiederti qual è il tuo rapporto con l’amore.

Ottimo! Ho amato, amo e sono riamata, cosa potrei chiedere di meglio? Anche se a volte penso che l’amore si sopravvalutato. Mio marito diceva sempre che nulla è eterno e persino la Quinta Sinfonia di Beethoven un giorno sparirà. E se è così per un capolavoro del genere figuriamoci se può essere eterno l’amore!

Teatro e musica. Il tuo romanzo trasuda passione per queste due cose. Dove nasce questa simbiosi che hai saputo creare nella tua storia con i tuoi personaggi?

Nasce dal mio lavoro. Io ho sempre lavorato con la musica e amo il melodramma quindi al momento di scrivere, volendo divertirmi con un genere che amo mi è sembrato naturale scegliere questa forma. La musica è parte integrante del romanzo ed è presente a tutti i livelli sia strutturalmente perché Capo Scirocco è costruito appunto come un melodramma ottocentesco, sia perché possiede una “colonna sonora” grazie alle Arie e ai brani che vengono eseguiti. Poi sono presenti Verdi e Wagner: ciascuno è associato a una delle due protagoniste. Verdi a Rita Agnello, vera eroina da melodramma; Wagner ad Anna Cucè, razionale e amante della musica d’Oltralpe. Il contrasto tra i due musicisti e tra le due donne ricalca la querelle che proprio alla fine dell’Ottocento si agitò in Italia sull’eccellenza di Verdi o di Wagner, una diatriba solo apparentemente musicale ma nei fatti legata alla questione dell’identità nazionale.

Sembra esserci un alone oscuro nella storia, tra le parole, nelle ambientazioni. Ben nascosto, ma sembra vivere come un’ombra fino al finale. Una leggera malinconia, come se il vero protagonista fosse un qualcosa o un qualcuno che non c’è. Una sensazione latente, eppure presente. È solo una sensazione?

Non è solo una sensazione e, anzi, tra le tante definizioni che ho letto quella che mi piace di più è di Mario Baudino e mette in rilievo il lato oscuro del mio romanzo: “Capo Scirocco è un romanzo di ombre”. In effetti si apre con una grande ombra e con la stessa ombra si chiude, forse un retaggio di un’altra delle mie grandi passioni che è il romanzo gotico.

Stai lavorando a un nuovo romanzo? Ci anticiperesti qualcosa, magari il titolo?

Ho già finito e consegnato all’editore il nuovo romanzo che uscirà nel 2016 ma proprio il titolo non posso dirlo perché… ancora non l’abbiamo deciso!

 

Ringrazio Emanuela per la gentile collaborazione e per il viaggio appassionato.

 

 

#Parliamodi “Tentazioni”, il romanzo di Argeta Brozi

Oggi parliamo di uno dei romanzi del momento, si chiama “Tentazioni” ed é intenso, attraente e ben scritto. La protagonista é Ilenya, una ragazza scottata dai suoi precedenti amori e che non riesce a lasciarli alle spalle. É giovane, ciò nonostante non riesce più a credere di potersi ancora innamorare. Un po’ goffa e buffa, ma allo stesso tempo cinica e seducente, spesso inconsapevolmente. La sua amica é Lolly le chiede di aiutarla a mettere alla prova la fedeltà del suo fidanzato. Ilenya riesce a portare a termine la sua missione e seduce il ragazzo, smascherandolo di fronte agli occhi dell’amica. Nel frattempo Ilenya si scontra, letteralmente, con un ragazzo durante un vago tentativo di iniziare a correre. Lui é Brian e tra i due nasce da subito una simpatia, che presto diventa qualcosa di più. Così Ilenya, senza mai ammetterlo, torna a prendere in considerazione l’idea di potersi fidare. Proprio quando questo sta per accadere Brian svanisce nel nulla. Lei non aveva osato chiedergli il numero di telefono, lui nemmeno. Senza alcuna possibilità di contattarlo, Ilenya lo attende, preoccupata che qualcosa di grave possa avergli impedito di tornare da lei. Ma con il tempo la preoccupazione diventa ferocia, una forma di rancore verso gli uomini. Qualcosa dentro di lei é cambiato e si isola pian piano dalle sue amiche. Questo evento rende Ilenya ancora più inferocita nei confronti di tutti gli uomini e si ritrova sola. I genitori vedendola spenta e sofferente decidono di regalarle un viaggio verso la meta tanto sognata: New York. Lí ritrova la sua vecchia amica Tess e incontra suo fratello Davis. Con quest’ultimo nasce un’amicizia travagliata. Con Tess e altre ragazze riesce a sfruttare la sua capacità di smascherare gli uomini con la seduzione. Nasce così un vero e proprio servizio per fidanzate sospettose. Per mostrare alle altre collaboratrici come muoversi, Ilenya porta termine il primo caso e induce il ragazzo a baciarla proprio durante il suo addio al celibato e il matrimonio fallisce. Quel bacio però rompe l’equilibrio faticosamente ritrovato di Ilenya, così come il ritorno di Brian. “Tentazioni” é un romanzo che si legge d’un fiato, ricco di colpi di scena e di riflessioni, una lettura leggera che emoziona e che costringe il lettore a pensare al valore dell’amicizia, dell’amore e soprattutto a tutto ciò che lega entrambe le cose: la fiducia. Un libro sicuramente consigliato per intraprendere un viaggio nei sentimenti, oltre i dubbi e i pensieri che si nascono dietro ogni rapporto. L’autrice è Argeta Brozi, una giovane e talentuosa scrittrice con già molta esperienza alle spalle nel campo della letteratura. Il modo di scrivere é giovane, dinamico, espressivo e riesce a essere aggressivo, seducente e sensibile, proprio come la protagonista del romanzo. Ilenya, é infatti deliziosa, intraprendente e affascinante. Determinata e sensibile allo stesso tempo un mix letale che non può non sedurre il lettore. Ci innamora facilmente della storia raccontata da Argeta. Un romanzo assolutamente consigliato.

Ecco una breve intervista ad Argeta.

Come è nato il sentimento di sfiducia verso gli uomini che caratterizza il personaggio di Ylenia?

Ylenia è sempre stata una da storia seria, perché nella sua famiglia ha avuto come modelli due genitori che si amano moltissimo, nonostante gli anni, ma la sua vita sentimentale e il suo credo nell’amore viene spezzato da una relazione difficile e a tratti violenta, e successivamente da un’altra delusione con un ragazzo conosciuto in treno. Inoltre, la sua amica Lolly è l’emblema di come le coppie non siano fatte per restare insieme: infatti lei va di storia in storia, alla ricerca del “principe azzurro” che, però, non arriva mai. Ylenia, già delusa dal passato, cova dentro di sé maggiore rabbia quando vede andare male le relazioni dell’amica, che vorrebbe vedere felice… La rabbia si tramuta in sete di vendetta contro gli uomini.

Quanto c’è di te nella tua protagonista?

In ogni storia e in ogni personaggio sicuramente qualche caratteristica personale c’è, ma il romanzo è frutto di fantasia, così come gli intrighi e le relazioni tra i vari protagonisti.
Alcune caratteristiche in comune con Ylenia sono la sincerità che a volte rischia di farci perdere chi ci sta vicino (si sa, la verità fa male e sono davvero in pochi a volerla realmente sapere…) e l’ironia, così come anche la gaffes… Ad esempio, la figuraccia che lei fa con la borsa è successa a me personalmente 😉

Amicizia e amore sono i due temi del tuo romanzo, quanto contano per te?

Per me, e credo per tutti, tantissimo. La vita gira tutta attorno all’amore e all’amicizia, attorno alle relazioni con altre persone, ai sentimenti. Penso che in ogni romanzo, persino in quelli di genere horror e thriller, ci debba essere una parte “romantica”, perché tutto inizia e finisce con l’amore, amore che a volte si tramuta in odio… In ogni caso sono sentimenti e senza di quelli non si possono emozionare i lettori.

La fiducia, questa sconosciuta. Quanto conta secondo te in un rapporto?

Sei riuscito a strapparmi un sorriso con la frase “la fiducia, questa sconosciuta” 🙂 La fiducia è TUTTO. Il maiuscolo è fortemente voluto. Il problema sai qual è? Che a volte non ci si può fidare neppure di se stessi…

New York e Roma, due luoghi così diversi. Qual è il luogo che tu chiami casa?

Quando ho scritto questo romanzo non ero stata né a New York né a Roma, la prima versione del testo infatti presentava poche descrizioni dell’ambiente, successivamente sono andata a Roma ma non nei luoghi che ho descritto all’interno del libro. Roma mi ha sempre portato fortuna a livello lavorativo, per cui ho voluto inserirlo all’interno del romanzo, anche in vista del fatto che mi è più facile immedesimarmi in una storia ambientata in una città non mia, ma non sono ancora andata a New York… mi piacerebbe molto 🙂 New York l’ho scelto invece perché ho sempre voluto andare in America, inoltre è la città dove abita la mia amica Downing, presente nel libro sotto false vesti, perché la sua reale vita non ha nulla a che fare con ciò che ho descritto in Tentazioni. Qual è il luogo che chiamo casa? È il luogo dove ci sono le persone che amo. Non importa dove.

Nel tuo romanzo si parla molto del rapporto genitori figli, è importante per te la famiglia?

Ho una famiglia molto unita e credo nella famiglia, quindi sì, è un argomento a cui tengo. Nell’ultimo periodo si può notare come siano venuti a mancare certi valori che fino a qualche anno fa erano fondamentali… Si è diventati più superficiali, vediamo i genitori come dei nemici da combattere, delle persone da cui stare lontani dalla maggiore età in poi… Io sono una di quelle che si stupisce quando sente gli adolescenti criticare altri perché “escono ancora insieme ai genitori”! Non sia mai, che vergogna! E perché mai poi? Quando sono stati i genitori a darci alla vita, quando ci hanno accudito, protetto e voluto? Quando saranno quelli che non ci abbandoneranno mai (ovvio, parlo di Genitori e non di genitori… sappiamo bene che c’è chi non sa essere genitore e fa dei disastri… ma sono situazioni particolari) a dispetto di tutti? Gli amici se ne vanno, la famiglia resta.
La famiglia è il pilastro della nostra vita, rinnegare la sua importanza è come rinnegare se stessi.

Ci saranno nuove avventure di Ylenia? Quali sono i tuoi progetti a cui stai lavorando?

Tentazioni è nato come un romanzo autoconclusivo, ciò che di fatto è. Ma negli anni, i lettori sono state pietre preziose: così entusiasti della storia, emozionati e affezionati ai personaggi e grazie a loro Ylenia avrà una nuova vita, in un secondo volume. Sono stati così tanti i lettori che mi hanno chiesto un seguito, che… come si fa a non accontentarvi? 🙂 Il secondo romanzo vedrà come protagonisti sempre Ylenia e Brian, ma avranno più spazio alcuni personaggi che nel primo erano “secondari”… La storia l’ho già iniziata e ho in mente tutta la storia, sarà sempre autoconclusiva e si potrà leggere anche separatamente rispetto al primo libro, ma ad esempio chi ha letto il primo potrà capire meglio le varie relazioni tra i personaggi, visto che li ha già “incontrati” e magari saprà anche per chi tifare 😉 mentre per i nuovi lettori potrà sembrare un romanzo a parte.
Ti faccio una soffiata, uno scoop per chi lo ha già letto…

La vita di Ylenia procede a meraviglia, se non fosse che all’improvviso scopre che Eva in realtà… 😉

Eh eh eh… Vi lascio il link del libro, acqua in bocca, non posso svelare di più 😉 http://www.amazon.it/dp/B00ZVQ70T2/

Ringrazio molto Argeta per la gentilezza e la professionalità, oltre che per le emozioni regalate con il suo romanzo.