Recensione album “Il Pre-Fagiolismo” di Marrone quando fugge

Il disco “Il Pre-Fagiolismo” di Marrone Quando Fugge è particolare, ricco di poesia e istantanee di vita. Una carrellata di personaggi e sensazioni. Il primo brano del disco è “Miseria stabile, Ricchezza mobile” ed è come un colpo di vento, un colpo di poesia, struggente e intensa. Profonda e riflessiva. “Meno di te” è una canzone con un ritmo intrigante e suoni della musica popolare, melodia semplice e pulita, un testo che viaggia tra le contraddizioni di una donna, tra i meccanismi perversi di un uomo. E’ uno specchio della mente, che mente. Il pezzo che regala il titolo all’intero album, “Il pre-fagiolismo”, è poetico e costruito su una bella melodia, parla di luoghi leggeri, pensieri recisi in amori e passioni, contraddizioni in carta filigrana, luoghi che possono trascinare in fondo. “Cenere e Whisky” è una serie di immagini, istantanee. Un racconto a suon di poesia. Brividi. “Modestino Lo spaccone” ha un sound popolare, spaccati di vita e ritmo delle borgate. “Fango” è una ballata sporca di sentimenti, d’amore e delle trame. “Questione di loquacità” possiede un’ottima atmosfera. Musica e folklore, immagini particolari di persone, storie. “La discarica di immagini” è un mercato di personaggi, di sensazioni che si sposano con le melodie raccolte di un folk-jazz attraente ed elegante. “Un principio di Alzhaimer” è un brano con testo criptico e poetico, una melodia che avvolge. Una bella canzone. L’album “Il Pre-Fagiolismo” contiene brani emozionanti, fini ed eleganti, con poesia e momenti di ritmo più intenso. Il risultato è un bel disco con tante sfumature e spunti di riflessioni. Si sentono le radici di un folk popolare, mischiato a un pop più contemporaneo. Dosaggi perfetti e un’ottima musicalità. Consigliato.

 

 

Leave a Reply