Cern: Le prime collisioni tra particelle di energia

A volte la realtà supera la fiction. Così al Cern di Ginevra continuano gli esperimenti sull’acceleratore di particelle, con lo scopo di riprodurre il Big bang, che ha dato origine al nostro sistema planetario, in laboratorio. Hanno avuto luogo, infatti, le prime collisioni tra particelle di energia. Protoni che si sono scontrati nell’anello da 27 km dell’ Lhc con energia pari a 7 miliardi di elettronvolt. Un risultato certamente di ottimo livello per la ricerca, questo, oltre a rappresentare un inizio di ben altre ricerche più approfondite, può essere un modo per attirare l’attenzione su un mondo che lavora per il miglioramento tecnologico e della conoscenza, vantando sempre ben pochi finanziamenti pubblici. Questi studi ora  possono difatti canalizzare flussi di denaro sia pubblico che privato. Che possa essere la nuova era dell’energia, laddove i grandi signori dell’economia cercano di rilanciare il nucleare? Le sfere di influenza di questo tipo di attività sono sconfinate. I ricercatori del Cern festeggiano questo punto di arrivo, che tale non è: il viaggio è appena cominciato

 

Elezioni regionali: 7-6 tra centro-sinistra e centro-destra. Lega forte, sorpresa Grillo

Le elezioni regionali mettono in luce un panorama politico inatteso. In Piemonte Cota vince sulla Bresso, nel Lazio Polverini prevale sulla Bonino. Nel complesso in centro destra conquista 6 regioni, mentre 7 vanno al centro-sinistra. Risultato importante certamente quello della Lega in tutto il Nord Italia. Da prendere in considerazione anche il movimento di Beppe Grillo che ottiene percentuali che fanno pensare. Dal blog del comico si contesta che si tratti di un voto di protesta, ma di che altro si può trattare? Unita all’enorme astensionismo è da considerare come sintomo di malessere dei partiti di opposizione di governo. Le regioni in cui la sinistra pone la sua supremazia sono Liguria, Emilia Romagna, Toscana, senza contare il trionfo di Vendola in Puglia. Si apre a questo punto un dibattito circa i risultati di queste elezioni. Crisi per la sinistra? Elettorato turbato dalle mine vaganti Di Pietro e Grillo? Certo si denota una crisi da parte dei votanti. Anche se il centro destra non lascia troppo spazio agli avversarsi, non è possibile non considerare che ormai sarà sempre più condizionata dalla Lega. Innegabile la forza di quest’ultima, soprattutto dopo aver battuto la coalizione di centrosinistra capeggiata dalla Bresso.

NO agli inceneritori

E’ tutto chiaro.I politici italiani hanno un’unica missione : farci fuori tutti in nome sempre della democrazia.Il politico/tiranno italiano parla di energie distruttive e dannose per la nostra salute,il politico italiano fa le leggi ad personam,il politico italiano accusa le persone comuni come noi che raccontano i fatti dal basso,di odio e di violenza,il politico italiano é razzista ma si proclama cristiano,il politico italiano non conosce la Costituzione e certe volte la cambia anche.Il politico italiano taglia i fondi alle scuole e alle Università e finanzia comuni falliti.Il politico italiano affianca gli inceneritori alle centrali nucleari.Gli inceneritori,insieme al nucleare,fanno parte del programma ‘sterminio lento ed indolore del popolo italiano e non solo’.Si tratta di impianti finalizzati allo smaltimento dei rifiuti,i quali vengono bruciati ad elevatissime temperature divenendo poi fumo svolazzante per aria,tra le nuvole per poi insediarsi senza chiedere permesso alcuno nei nostri polmoni sottoforma di tumore.Il rischio di cancro é molto elevato,per non parlare di altrettante malattie mortali e danni innumerevoli alla Natura.E’ un piano perfetto per spedirci tutti all’altro mondo,non vi pare?Ed é ancora più squallido quando gli italiani che votano questi individui,in realtà si autospediscono alla morte e non lo sanno e/o fanno finta di esserne a conoscenza.E’ forse questo un perfetto esempio di progresso?Quando invece la raccolta differenziata sarebbe la migliore soluzione,rapida e indolore per tutti noi.Forza italiani,informatevi.

Ratzinger sotto accusa: chieste a gran voce le dimissioni

Cosa resta se un istituto religioso come la chiesa cattolica mantiene nei suoi ranghi persone ree di atti di pedofilia? Un senso a domande scomode sarebbe un modo per chiarire la posizione di questi personalli più o meno illustri. L’attuale pontefice Benedetto XVI, ai tempi del suo archiverscovato a Monaco sarebbe stato informato sui fatti venuti alle cronache in questi giorni, ovvero di atti di pedolifia compiuti in terre americane. Le indagini  sarebbero state insabbiate e comunque soggette e segreto vaticano, per evitare “polveroni” che non avrebbero giovato all’immagine della chiesa nel mondo. Ma ormai la questione è aperta e il pontefice è sotto accusa. Si difende raccontando che la pedofilia non è solo una questione della chiesa e che si dovrebbe pregare per chi compie questi atti. Ma noi che religiosi non siano, chiediamo una punizione esemplare. Chiediamo giustizia. Chiediamo che queste persone vengano radiate dalla chiesa cattolica e condannate come tutte i cittadini del mondo. La pedolifia è un reato grave e non si può e non si deve MAI SOTTOVALUTARE. Nemmeno quando questo riguarda le tonache “pure” della chiesa cattolica. Che Benedetto VXI si dimetta dal suo ruolo.

Recensione – Angry September

E’ un urlo stroncato di voci impazzite.E’ la parola data a chi non ce l’ha.E’ una scia di luce chimica al lato ombroso della realtà che oscurano.E’ la musica che nasce dagli strumenti degli Angry September,gruppo Punk/Alternativo/Hardcore del Piemonte.La band é così composta da AmeRay alla chitarra e voce,Michael Butter al basso e alla seconda voce,Karl alla batteria e terza voce.’Gli Angry September non hanno nessun interesse a scendere a compromessi per essere meglio venduti all’industria musicale’- dice il chitarrista del gruppo.L’aura che avvolge gli Angry September non é quella che permette loro di utilizzare la musica al fine di ottenere notorietà a livello televisivo,pubblicitario o commerciale.Gli Angry September scelgono così di divenire i clandestini della vera musica,quella autoprodotta,quella che non costa,quella che gira anche tra cd masterizzati e/o venduti a poco,quella che nasce con semplice passione per la volontà di darle voce.Ed in quanto musica che nasce per amore,quella degli Angry September é una musica spontanea,veloce,ribelle,non sempre violenta e cattiva ma talvolta anche tranquilla.I testi schietti che affrontano temi quali l’odio per le armi in pezzi come ‘Hate the guns’ e ‘Break the guns’,il rispetto per l’ambiente con il sostegno degli ideali sposati da Greenpeace ed il rispetto per gli animali con il sostegno di altrettanti ideali che preservano ogni specie animale al mondo,sono gli urli liberatori di questi tre musicisti.Ragazzi normalissimi,che affrontano senza mai chinare il capo la società in cui viviamo e che dal basso combattono per cambiarla ogni giorno.Dopo il primissimo promo presentato in data 20 Settembre 2008,dal titolo ‘Country Prom’,in data 26 Febbraio 2009 gli Angry September presenteranno il primo EP ufficiale dal titolo ‘More Stereotapes,Less Stereotypes’.Attualmente gli Angry September stanno lavorando per un nuovissimo e futuro EP.

Abbiamo avuto inoltre il piacere di intervistare due dei componenti del gruppo,AmeRay e Michael Butter :

Quali sono i progetti che sostenete?

AmeRay : Premettendo che i nostri ideali non si riflettono solo nelle nostre canzoni ma anche nel nostro stile di vita ci viene più facile far capire il perché della nostra partecipazione a vari progetti e campagne. Tanto per cominciare Karl ed io collaboriamo con un gruppo ideato dal Taurus (locale della provincia di Torino) che si chiama Eco-Sound (www.myspace.com/ecosoundstreetband). In concreto si tratta di un laboratorio incentrato sulla costruzione di strumenti musicali (principalmente percussioni) con solo materiale di recupero. L’obbiettivo (reso possibile anche grazie alle varie parate a cui il gruppo di Eco-sound è stato invitato) è quello di far riflettere su ciò che buttiamo via tutti i giorni; argomento che dovrebbe essere primario in una società come quella in cui ci troviamo. Progetto simile, ma da noi ideato, è invece quello di un video sulla spazzatura che sarà pubblicato sul web nei prossimi mesi. Diverso, ma per una causa altrettanto importante, è invece il ‘Disco Grezzo’, compilation che vede, oltre a noi, molte altre band della scena di Torino unite per il sostegno e la diffusione delle campagne di cui si occupa l’associazione umanista ALICE, trovate tutte le info all’indirizzo http://www.associazione-alice.to.it/ , mentre il link per il download della compilation è il seguente: http://indieitalia.blogspot.com/2009_10_01_archive.html . Potete anche contattarci dal nostro myspace (www.myspace.com/angryseptember). In ogni caso ci piacerebbe poter collaborare sempre di più con varie associazioni in cui crediamo.

Quali sono i temi che trattate nei vostri pezzi?

AmeRay : I temi trattati sono direi abbastanza vari.. In generale comunque si va da argomenti quali il nostro profondo odio per le armi e la guerra, al nostro amore per l’ambiente e per le cose che ci piace fare. Alcune poi hanno invece testi provocatori e ironici su quella che è oggi la scena musicale di coloro che fanno di tutto pur di avere un’etichetta pronta a venderli come un prodotto da grandi magazzini. Talvolta, invece, in altri pezzi, ci piace stare zitti e lasciare che sia la musica a parlare.

Michael Butter : Per quel che riguarda l’aspetto musicale, stiamo tentando di uscire un po’ dalle classiche strutture del nostro genere. In qualche maniera stiamo cercando di far convivere all’interno di uno stesso pezzo i nostri gusti musicali che essendo molto vari e non sempre uguali si compensano bene. Per ora il risultato ci soddisfa anche se siamo alla ricerca del giusto connubio tra la varietà di generi che ascoltiamo e il vecchio hc / hc melodico che tanto ci piace e ci accomuna.

Quali sono i progetti musicali in corso?

AmeRay : Al momento, in questo inizio di primavera 2010, stiamo per finire un promo cd: ‘People Like This Mess’ che conterrà 2 pezzi nuovi. Questo si potrà scaricare liberamente o prendere gratis in formato cd ai nostri concerti.

Michael Butter : Sui live invece, come progetto a lungo termine, ci piacerebbe accostare ai nostri classici concerti dei set acustici, diciamo più ‘tranquilli’. Abbiamo già fatto alcune serate in quest’altra veste, però vogliamo lavorarci ancora un po’ rendendoli più omogenei.

Come vi muovete per farvi conoscere?

AmeRay : Essendo una band che si autoproduce, e che non si affida ad agenzie di booking, la promozione è una componente fondamentale per noi. Il web è sicuramente uno dei mezzi di cui più ci serviamo, insieme comunque ai vari live e a un passaparola selvaggio!

Michael Butter : Nel web, giusto pochi giorni fa, è stato lanciato da alcuni amici un nuovo social network che si basa interamente sullo scambio date tra gruppi e che si chiama Oozer (www.oozer.com). Credo che questo sia senz’altro un altro ottimo modo per farsi conoscere e conoscere gli altri.

E in futuro?Cosa pensate di fare?Avete già in mente qualcosa?

AmeRay :  In progetto c’è anche un album ufficiale che conterrà parte delle canzoni che già ora abbiamo in scaletta più altre nuove. Aggiungo inoltre che ci piacerebbe pure allargare gli orizzonti per quel che riguarda i concerti, e quindi magari uscire più spesso dal confine.

Michael Butter : Un tour…magari di qualche data in più dell’ultimo ma rimanendo sempre autoprodotti al 100%!

Le voci talvolta arrabbiate e talvolta dal tono ironico si mescolano alla velocità dei suoni.Il sudore che gronda dai volti degli Angry September si trasmette dal palco alla gente e diviene Musica.

Raiperunanotte : questa é Democrazia

Uno degli eventi più grandi della storia che ha coinvolto milioni di italiani nelle piazze ed in diretta streaming,si é concluso la scorsa notte.L’evento volutamente promosso dal presentatore di Annozero Michele Santoro é stato la dimostrazione di come l’unione fisica ed anche virtuale degli italiani,faccia la forza.Il Paladozza di Bologna era incendiato dalle urla dei partecipanti a sostegno di chi ha intervenuto per difendere la libertà di informazione e per dire NO alla censura.Santoro,Travaglio,Floris,Lerner,Luttazzi,Roberto Benigni e molti altri hanno partecipato all’evento facendo infuriare di gioia chi ha partecipato.Circa 200 piazze italiane dove sono stati allestiti maxischermi per assistere alla grande manifestazione erano gremite di un pubblico arrabbiato,che solo grazie a queste persone che non abbassano la testa,hanno potuto urlare il loro NO.Il NO al governo,quel governo che si dichiara democratico e non lo é,quello che oscura i siti che non gli fanno comodo,quello costituito da politici coinvolti in episodi mafiosi,pluricondannati,che parlano di niente e non conoscono la Costituzione.Eppure tempo fa il capo del governo Silvio Berlusconi ha affermato che la sua politica é mirata a coinvolgere direttamente i cittadini italiani in Parlamento,per decidere insieme le norme che la riguardano.A questo punto verrebbe da dire ‘Eccolo lì il tuo popolo Silvio,non sei contento?’.Possono oscurare tutto ciò che vogliono,ma fermarci ad uno ad uno no,é cosa impossibile.Codesta chiamasi Democrazia.

Benedetto XVI : complice silenzioso di abusi sessuali degli ecclesiastici sui minori

E’ in prima pagina sui giornali del mondo la notizia che riguarda da vicino il capo della Chiesa tanto amato,papa Benedetto XVI.Le accuse provengono dal New York Times,accuse secondo le quali il papa avrebbe coperto preti macchiati di abusi sessuali su minori.Padre Lawrence Murphy,accusato di aver abusato di ben 200 ed oltre bambini sordi,pare che abbia convinto il ‘Santo Padre’ o semplicemente ‘Uomo d’affari travestito da Dio sulla terra’,a chiudere un occhio sui peccati da lui commessi.Ebbene signori, sembra che il papa non abbia resistito alle insistenze pietose del prete,concedendogli così la possibilità nonostante tutto di continuare ad operare all’interno dell’ordine ecclesiastico.Padre Lawrence ha così continuato a diffondere parole di conforto,pace e amore al mondo intero.Molti sono secondo le fonti i preti che non sono mai stati scomunicati né tantomeno condannati al carcere.La tonaca da uomo religioso non ha alcun valore,colui che la indossa é una bestia immonda che mai potrà cambiare nonostante la indossi a mo di ‘gioioso portatore di pace’.Il vostro protettore,colui che esibite con corone d’oro e di bronzo nelle vostre case,colui che vi benedice e vi parla di niente la domenica in Vaticano,é un complice meschino di quegli atti di violenza,é blasfemo,é un disertore della parola di Dio.Aprite gli occhi fedeli,poiché non esite al mondo più sordo di colui che non vuol sentire.

Censura : una storia iraniana difficile

‘CENSURA’ é il titolo di un libro che ho avuto il piacere di acquistare qualche giorno fa.E’ un libro triste,per vari motivi.La sua copertina si dipinge di uno scuro color porpora.Su di essa si staglia una mano che par ti chieda di fermarti ad acquistarlo.Scrivo di un libro difficile,un libro infelice non per la storia che racconta ma per la storia che in realtà lo avvolge.L’autore di questo libro é uno scrittore iraniano contemporaneo di nome Shahriar Mandanipour.Il libro é stato attualmente pubblicato in America poiché scrivere in Iran a tutt’oggi é come andare al patibolo.La storia che l’autore narra é una storia d’amore da un lato felice e da un lato soffocata.Si tratta della storia d’amore di Sara e Dara,due pseudonimi che l’autore ha volutamente inventato.In Iran innamorarsi é un peccato mortale,un’offesa grandissima che gli uomini fanno a Dio.Il che é sicuramente un paradosso,poiché Dio é in se l’idea dell’amore,nient’altro.Ancora adesso in territorio iraniano le donne e gli uomini non possono trascorrere da soli un pomeriggio insieme se non con la presenza di parenti.I marciapiedi sono assegnati alternativamente ai due sessi,così durante il mattino agli uomini é consentito passeggiare sul lato destro della strada,mentre alle donne é concesso farlo sul lato sinistro e viceversa nel pomeriggio perché uomini e donne non si sfiorino nemmeno con un dito.Agli innamorati ‘disertori’ é proibito lanciarsi dolci sguardi d’amore.Gli scrittori non hanno alcuna libertà : tutte le loro opere infatti sono costantemente revisionate,corrette e talvolta anche riscritte qualora si ritenessero offensive e allusive o si pensasse di pubblicarle.In un paese in cui la parola ‘seni’ offenderebbe la morale islamica,Shahriar Mandanipour si ribella e con tono ironico sfida i suoi censori nonostante conservi nel cuore il rammarico di non poter pubblicare la sua opera nel proprio paese di origine.’Gli scrittori non devono esistere.La scrittura é l’arte più immorale che possa esistere al mondo’- dicono in Iran.Ancora una volta vi chiedo,dov’é in tutto questo la libertà?Ha sapore di niente,non esiste,é insipida.

Isole Feroe : continua il massacro delle balene pilota

Molte al giorno d’oggi sono le tradizioni che un po’ tutti mandiamo avanti con fierezza in viso e con amore.L’amore per la patria non si é mai scisso dal cuore di ogni essere umano,ma in certi casi é sicuramente sbagliato definire un essere umano chiunque in realtà non sia un essere pensante.Ed é proprio l’amore per il proprio paese ed il desiderio di continuare con fervezza ed ardore le tradizioni e le usanze che esso stesso tramanda,a macchiare il mondo con atti di pura follia.Non v’é distinzione tra un essere umano in giacca e cravatta che porta via gli alberi agli oranghi in Indonesia ed un essere umano che stermina ogni anno milioni di esemplari di balene pilota presso le isole Feroe in Danimarca.Da anni la gente che vive da quelle parti segue con orgoglio una tradizione danese che purtroppo consiste nell’uccisione di rari cetacei costretti poi a soffocare in un mare di sangue,il loro stesso sangue.Tutti sanno,ma forse non tutti,che non esiste cetaceo più affettuoso di una balena pilota,la quale a differenza dell’uomo gli si avvicina senza paura e soprattutto pone a lui tutta la propria fiducia.Ebbene si signori,poiché gli animali si affezionano davvero mentre gli uomini guardano solo i propri interessi.Questi rari esemplari rischiano sempre di più l’estinzione : sono infatti massacrati a colpi di violente bastonate che dapprima,Miei Cari lettori,fanno perdere loro i sensi forse per una futura e ‘meno’ dolorosa morte,e poi giacciono per sempre.Cosa guadagnano i massacratori fanatici da questi atti osceni?Be si,una corda a forma di cetaceo o semplicemente un pasto a forma di balena pilota.L’Unione Europea inoltre giustifica una sua assente presa di posizione a riguardo,sostenendo che cetacei di così piccole dimensioni non possono essere tutelati dalle Istituzioni.Gli stermini continuano e chi deve pagare non paga mai.Buon divertimento.

Finalmente!!

Ce l’hanno fatta! Finalmente negli Stati Uniti d’America, oggi, è stata firmata la riforma sanitaria che così diventa legge. E’ una piccola rivoluzione questa, una vittoria democratica vera. Dopo un anno di discussioni e battaglie, Obama e i suoi riescono a mettere nero su bianco uno dei cambiamenti più “clamorosi” degli ultimi tempi. La nuova “legge” sanitaria estende la copertura assicurativa a 32 milioni di americani, espande il piano sanitario governativo per i poveri, impone nuove tasse sulle ricchezze e vieta alla compagnie assicurative pratiche come il rifiuto della copertura a persone con condizioni mediche pre-esistenti. E’ una riforma giustissima questa, che purtroppo arriva nel 2010, un po troppo avanti coi tempi per la democrazia che l’ha approvata, visto che la stessa è presa ad esempio da tutto il resto del mondo (e pensare che la mutua non è certo da ieri che ce l’abbiamo). Ci saranno le lobby a mangiarsi le mani, facciano pure, l’oro non è commestibile.